L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

31/03/2005 23:15:48

Aiutatemi

Salve,mi chiamo Amedeo ed ho 30 anni.Ho avuto forti problemi di Anoressia per due anni,poi i miei mi hanno comprato un attivita' alimentare,andava a gonfie vele,pensavo solo a vendere ed incassare e non mi importava piu' della bilancia.All'inizio della malattia pesavo 47 kg e sono alto 1.75. Un giorno,piu' o meno dopo un anno di attivita' ottima,per caso mi pesai,non ero piu' 47 kg,ma ben 61kg. Ero a casa da solo,mi è sembrato di impazzire,ho aperto il cassetto delle medicine e le ho ingoiate tutte:2 flaconi di lexotan,2 flaconi di novalgina,aspirine,indoxen,e un intera scatola di EN che prende a volte mia mamma.Poi ho scolato una bottiglia di vino ed io non sono bevitore.Poi mi ricordo solo di essermi svegliato in ospedale a RAVENNA,al s.p.d.c. Mi hanno tenuto la dentro due mesi poi per fortuna sono uscito.Per un anno ho fatto questa cura:3 COMPRESSE DI DEPAKIN CHRONO DA 500 mg, akineton da 2mg, RISPERDAL (800 mg al giorno e xanas da 1 mg).Uscito dal ricovero ho passato chiuso in casa quasi un anno,avevo il terrore e il panico anche di vedere i parenti,per fortuna i miei genitori mi sono stati tanto vicino,io sono figlio unico.Poi i miei,vedendo che non mettevo davvero il naso fuori dalla porta mi hanno portato da uno specialista a Bologna. Mi ha tolto il primo ottobre circa il RISPERDAL e L' AKINETON, e mi ha AGGIUNTO il SEREUPIN da 20 mg. QUINDI è dal PRIMO DI OTTOBRE che assumo AL GIORNO: 3 COMPRESSE DI DEPAKIN CHRONO DA 500 mg - 10 mg di sereupin un giorno si e un giorno no e mezzo XANAS o all'occorrenza uno intero da 1 mg. CREDETEMI,dopo un mese di questa nuova cura sto bene bene bene,direi benissimo.Quindi da novembre mi sono riiscritto alle superiori come materia di indirizzo ho scelto DIRIGENTE DI COMUNITA',i voti sono sulla media dell' otto. DAVVERO TUTTO BENE.Quindi è da novembre che esco molto spesso,esco con la mia solita compagnia di amici,si va a cena,a ballare,ecc.ecc. VOI VI CHIEDERETE E AALORA DOVE'è IL PROBLEMA? Io sono gay da quando avevo 23 anni e a mia mamma lo dissi subito,guai dirlo a mio babbo,è troppo anitco ed anche lei mi disse di non dirlo mai al bebbo.A mio mamma racconto tutto,ha 45 anni e sa tutte le mie storie amorose. Io sono molto fissato sui cosmetici ed ho il terrore delle rughe. è DA 10 ANNI CHE USO TUTTE LE CREME IMMAGINARIRE,piu' compresse di vitamine e sali minerale,pappa reale,polline e lievito di birra ecc ecc. UN maledetto giorno di un mese fa' mio babbo mi ha visto entrare in casa con una sportina piena di prodotti di bellezza,esplose con molto nervoso e mi chiese se mi piacevano gli uomini...IO RIMASI INCANTATO,POI PER FORTUNA CON ESTREMA CALMA GLI DISSI SORRIDENDO CHE LUI ERA IMPAZZITO. Da quel giorno mi chiede con chi esco,chi mi manda sms,cosa mi scrivono,mi chiede perche' a casa mia telefonano solo amici maschi ecc. ecc. Ora quando mi vede con un po di crema in viso si agita e quasi mi offende,io rimango calmo davanti a lui,poi corro in camera a piangere,cosa che era tanto che non facevo,poi mi prendo uno xanas.Mia mamma ne risente molto di questa situazione. Lui il giorno lavora,qunado siamo a tavola non riesco a guardarlo negli occhi,e appena finio cena mi chiudo in camera.So solo che quando lui in casa non c'è io sono al massimo della serenita',ma quando lui arriva io divento nervoso e agitato. Perfavore datemi un consiglio,ma non solo con due parole,cercate di sprecare qualche parola in piu'.Vi ringrazio molto. Amedeo

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del09/04/2005

caro Amedeo, non crede che sarebbe meglio rivelarsi anche a suo padre? Può essere che lei abbia buone ragioni per tnere nascosta a suo padre la sua omosessualità, ma non penso che questo clima di sotterfugio e segreto l'aiuti a stare bene.
Potrebbe anche rivolgersi alle associazioni di gay che la potrebbero aiutare a trovare le strade per vivere la su omosessualità in modo più tranquillo.
Al di là di questo, però, vedo dalle sue parole anche problemi psicologici che riguardano proprio il suo stile di vita, la sicurezza in se stesso, i suoi progetti di vita.
Per questo credo che potrebbe rivolgersi ad uno psicoterapeuta che potrebbe aiutarla a mettere ordine dentro di lei.
In bocca al lupo!

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra