L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

28/07/2007 03:53:15

AIUTO!PROBLEMA IRRISOLVIBILE?

Ho 34 anni.A 10 anni è morto mio padre.Dal 1985 faccio uso di antidepressivi.Diciamo sono sopravvissuto,mai stato bene!Visitato da decine di Psichiatri,Neurologi,Psicologi.
Oggi la mia Depressione è seria, mi impedisce di lavorare,anche se continuo a tener duro (e non me lo posso permettere di perdere il mio lavoro).Ho perso gli affetti,non riesco più a relazionarmi,a semplicemente parlare,tenermi in piedi,dormire...Causa di tutti i farmaci usati in passato e recentemente, il mio fagato presenta Fosfatasi Alcalina aumentata di tre volte e Bilirubina Diretta di due volte e mezzo con fortissimi dolori al fianco destro avanti-retro e dolenzia irradiata al muscolo sopra la spalla destra.Inoltre i due valori non si arrestano.Il Curante e l'Epatologo sostengono che il quadro è sintomo di intossicazione e sovraccarico epatico da farmaci.Non bevo se non saltuariamente,non ho mai fatto uso di sostanze illecite .L'Epatologo sostiene che oltre il Samyr 400(non ottenendo alcun beneficio per la depressione),non posso più usare alcun farmaco di interesse psichiatrico poichè epatotossici e quindi fatali per il mio fegato.Lo Psichiatra e lo psicologo in collaborazione, sostengono che non ho la minima possibilità, di anche solo migliorare, senza seria ed immediata terapia farmacologica.Non sanno più neanche loro come dipanare questo irrisolvibile problema.Mi stanno abbandonando poichè non trovano soluzione.Intanto io peggioro di giorno in giorno.Cosa devo fare,dove e a chi mi devo rivolgere?Ditemi Voi, sono nelle vostre mani competenti.Ci sarà in letteratura e al mondo qualcuno che avrà avuto un problema simile al mio.Grazie.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del31/07/2007

Vi sono delle forme depressive molto difficili da curare perchè le cause sono un mix di fattori biologici (ecco perchè si usano i farmaci) e fattori psichici. E' probabile che lei abbia strutturato nelle parti più profonde della sua psiche un tenace tratto depressivo. Non so che tipo di psicoterapia lei abbia provato, ma in un caso così difficile credo si dovrebbe prendere in considerazione una vera analisi. ovviamente la mia è solo una ipotesi perchè per poterlo dire con certezza bisognerebbe rivedere il quadro clinico e l'anamnesi.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra