L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

05/12/2006 16:49:30

Al dottor moschini 2, il continuo....

Io sono una studentessa di farmacia e ho scelto come specializzazione il profilo officinale, vale a dire che mi sto specializzando nella preparazione di farmaci in laboratorio; il mio corso prevede anche la preparazione di medicamenti FITOTERAPEUTICI; oltre le altre cose, ci viene insegnato come TARIFFARE le forme farmaceutiche da noi preparate.
devo dire che se le sostanze in sè non costano molto, è da ricordare che compete al preparatore anche un diritto che si chiama onorario professionale, che si calcola in modo semplice e standard seguendo le tariffe e le regole dettate dal tariffario nazionale, approvato con decreto ministeriale.
faccio un esempio.
all'esame, ho preparato 100g di elisir di angelica, contenenti:
15g di tintura; 10g di glicerina; 40g alcool diluito a 70°; e 35 g sciroppo semplice.
15g di tintura devono contenere 3g estratto fluido di angelica e 12g alcool a 95°; 40g alcool diluito devono contenere 26,8 g alcool a 95° e 13,2g acqua; 35g di sciroppo semplice devono contenere 23,28g saccarosio e 11,72g di acqua.
il costo delle sostanze è:
saccarosio:0,05 euro alcool: 0,8 euro glicerina:0,1 euro ; l'acqua non si fa pagare, mentre per l'estratto fluido di angelica il prezzo non è presente sul tariffario, allora si prende il prezzo di fattura,lo si raddoppia e si aggiunge l'iva del 10%...ipotizziamo che il calcolo dia come risultato 0,5 euro.
il totale è:1,45 euro.ma credete di cavarvela così?!vi sbagliate. bisogna infatti calcolare l'onorario professionale.
essendo una preparazione liquida, ci competono 3,49 euro fino a due componenti; ma in questo elisir ci sono almeno 4 componenti, allora aggiungiamo 0,41 euro per altri due componenti in più: 0,82 euro; per preparare lo sciroppo dobbiamo riscaldare, operazione che costa 1,21 euro;il contenitore in cui dispensare il liquido può essere una fiala da 100ml che costa 2,50 euro....
il totale è :8,02euro, più il costo delle sostanze: 9, 47 euro...bisogna poi tener conto del momento in cui è stata preparata la forma: a battenti aperti( durante l'orario di apertura) o a battenti chiusi( fuori orario); in quest'ultimo caso competerà un costo aggiuntivo....ora, sinceramente, chi spenderebbe 10 euro per un elisir di 100ml?!forse è un costo esagerato, ma si tratta di una formulazione fitoterapeutica, cioè appartenente alla medicina convenzionale..questo elisir non può costare di meno, dato che la tariffa è standard: non c'è trucco, non c'è inganno, signori..
con questo esempio ho voluto dimostare che anche se i costi di un farmaco, omeopatico o fitoterapeutico che sia,sembrano elevati, in realtà sono perfettamente riscontrabili su ciò che si porta a casa e plausibili.
infine, desidero precisare che non dovremmo mai scartare un tipo di medicina in onore dell'altro, perchè si basano su due principi opposti e ognuno ha i suoi pro e i suoi contro..l'omeopatia non pretende di sostituirsi alla medicina convenzionale, ma di fare da spalla o di offrire un secondo parere, prevenendo certe patologie aiutando il sistema immunitario a rafforzarsi... e la medicina convenzionale non può degradare così l'omeopatia, perchè essa stessa ne sfrutta alcuni principi....chi di voi non ha mai fatto un vaccino?sapete che cos'è un vaccino?
a lei dottor moschini, la mia ammirazione. buona fortuna per tutto, e a presto
a.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del10/12/2006

Egregia, la ringrazio, occorrerebbe una farmacista come lei vicino al mio studio, le terapia potrebbero essere più ampie e la professionalità del farmacista maggiore, tornando a fare veramente il suo lavoro, in una parafarmacia.
Effetivamente, la mia tesi, a chiusura dei tre anni di fitoterapia, verteva sull'utilizzo della Uncaria Tomentosa, estratto secco standardizzato, nella terapia dei bambini con patologie respiratorie recidivanti, con ottimi risultati. La seconda tesi era sull'utilizzo dell'estratto secco standardizzato, di soia, nell'obesità dipendente da fattori ormonali.
Effettivamente, l'utilizzo dei farmaci omeopatici, fitoterapici, conduce ad un notevole risparmio, non solo economico, ma anche di salute.
Saluti.

Dott. Alberto Moschini
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
MASSA (MS)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra