L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

25/02/2006 20:15:53

Al Gentile dottor Moschini: aiuto!

Vorrei farle una domanda perchè sono anni che mi curo esclusivamente con omeopatica omotossicologia. Il mio intestino non andava bene, erano mesi che soffrivo di una stipsi atonica tremenda, in seguito all'assunzione per altrimotivi di colocinthis 10000 K, il mio intestino riprese a funzionare bene come un orologio, senza gonfiori ne dolori pe rmolti mesi. Purtroppo 3 mesi fa mi furono prescritte delle capsule di Neozin della oti, che mi hanno provocato coliche tremende tali che il mio intestino si è talmente contratto che è tornata la stipsi e il gonfiore doloroso,specie in alto a sinistra dell'addome. Come ci fosse unnodo proprio li. Solo poi ho saputo perchè di tale reazione, quel farmaco contiene enzimi da aspergillus niger ed io sono risultata positiva per le igg = 119 a quel fungo, credo abbia riattivato una situazione che era latente, ma ora non so che fare per sbloccare il mio intestino che è credo rimasto contratto in quel punto dove ho sempre dolore come di coltello nelle viscere e gonfiore. Ogni cosa che mangio mi provoca coliche, vivo di roso e carote. Lei pensa che riprendendo colocinthis, esso possa agire da antispastico come già una volta? Ho provato a prenderlo ad un dosaggio tipo 5 ch o 30 ch ma non ha funzionato.
Il disagio a oggi sta diventando intollerabile, da novembre ho anche ho anche ritenzione idrica e palpebre superiori gonfie e difficoltà digestive.
La ringrazio molto se vorrà rispondermi.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del01/03/2006

Riprenda colocinthis alla 10000K, potrebbe avere azione sull'Aspergillus, non credo che gli enzimi ottenuti da tale fungo possano dare disturbi, comunque farò ricerche in merito. Se l'intestino si è bloccato, può darsi che sia successo qualcosa di nuovo, che abdrebbe investigato.
Saluti

Dott. Alberto Moschini
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
MASSA (MS)


Risposta del01/03/2006

Vorrei suggerirle di rivolgersi ad un gastroenterologo con fiducia (e con sollecitudine), al fine di evitare problemi maggiori. Mi permetto anche di ricordarle che prima di assumere qualunque farmaco o sostanza, di fronte a dei sintomi come quelli da lei descritti, è indispensabile formulare una diagnosi che possa permettere una terapia idonea.
Cordiali saluti.

Prof. Enrico Margaritondo
Casa di cura privata
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia d’urgenza
ROMA (RM)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra