L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Scheletro e Articolazioni

04/09/2008 14:19:57

ALLUCE VALGO

Egregio Dott.,
sono una ragazza di 26 anni, da sempre mi ricordo nei piedi la sporgenza ad indicare l’alluce valgo, ma non ho mai avuto grossi problemi e soprattutto non mi ha mai causato dolore, ho sempre portato qualsiasi tipo di calzatura e nel periodo invernale spesso scarpe a punta e tacchi alti.
Vado a correre 2/3 giorni alla settimana, corsa che si intensifica durante il periodo invernale.
Da un anno a questa parte il piede destro è peggiorato, mi causa dolore, è capitato mi svegliassi anche nel cuore della notte dal male, sinceramente posso sopportare ancora per il momento, certo che oramai in qualsiasi istante percepisco la “sua” presenza.
L’estate non è stata un problema visto che calzo ciabatte basse, però quest anno l’inverno mi preoccupa.
Ho notato pure che il 2° e 3° dito si stanno deformando sempre più verso l’esterno del piede.
Quello che più mi preoccupa è che avverto il cambiamento di camminata, mi sembra di dare peso sui piedi in maniera diversa, forse è una mia impressione ma allora perché percepisco questa cosa?
Pure mamma è soggetta a questa deformità ma in modo lieve.
Non credo il mio piede si possa definire piatto anzi, tende più ad essere cavo.
Le scrivo per sapere se devo attendere che peggiori per operare o se è meglio faccia l’intervento il prima possibile?
la recidiva è frequente?
Una volta operata, potrò continuare a correre e portare scarpe con il tacco?
Gradirei un suo consiglio anche se in maniera superficiale, tanto per sapere come muovermi, anche perché mi sembra di essere un po’ giovane per questo tipo di deformazione.
Nel ringraziarla per la sua attenzione Le porgo cordiali saluti.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del07/09/2008

direi che ha vissuto un pò troppo spensierata e non si è curata troppo dei rischi. Adesso penso che le calzature a pianta larga e non troppo alte siano in dispensabili e l'intervento chirurgico correttivo alle porte, onde evitare che altre dita subiscano danni.

Dott. Vincenzo Rollo
Casa di cura convenzionata
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
Specialista in Medicina fisica e riabilitazione
LECCE (LE)


Altre risposte di Scheletro e Articolazioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra