L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Stomaco e intestino

09/06/2008 09:32:00

Amilasi

Buongiorno,

sono una signora di 44 anni e alcuni gg. fa ho fatto le analisi di controllo dove è emerso un amilasemia di 149 (VALORI DI RIFERIMENTO 28-100) METODO CINETICO.

All'incirca un tre anni fa mi hanno diagnosticato il metodo di gilbert in quanto ho Bilirubina totale a 1.06 (valori di riferimento fino a 1.00) a quel tempo la bilirubina era 2.64 e ho fatto un'ecografia al fegato dove è risultato tutto nella norma.

Gli altri valori sono nella norma tranne:

Emoglobina 11,4 (valori di riferimento 12/16)
Ematocrito 34,5 valori di riferimento 37/48)
MCV 75,1 valori di riferimento 80/100)
Neutrofili 74,2 valori di riferimento 50/70)
Linfociti 18,5 valori di riferimento 20/40)
Bilirubina totale 1,06 valori di riferimento fino a 1)
Bilirubina frazionata ,17 valori di riferimento fino a 0,2)
Ferritina 5,40 valori di riferimento 10/291)

per questi valori la mia dottoressa mi ha prescritto del ferro e del calcio folinato in quanto deriva da un po di Anemia caraterrizzata dal fatto che ho delle mestruazoni abbondanti e ravvicinate.

Mi ha prescritto inoltre di ripetere solo l'amilasemia che farò domani.

Secondo Lei a cosa è dovuto questo valore così alto ?
C'è da preoccuparsi ?
Grazie cordiali saluti



Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del11/06/2008

No, non si preoccupi. L'amilasi è un enzima che viene secreto soprattutto dal pancreas, ma anche da altri distretti, come la saliva e la mucosa intestinale. piccole oscillazioni del suo valore non hanno un significato clinico importante. Lei ha un' Anemia da carenza di ferro e bene ha fatto la sua dottoressa a prescrivere una cura a base di ferro. Come già saprà, la sindrome di Gilbert non è una vera malattia, il fegato in questi casi è normale, quindi stia tranquilla.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Universitario
Specialista in Cardiologia
Specialista in Gastroenterologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Stomaco e intestino







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra