L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

03/11/2004 11:54:16

Aneurisma addominale

Mio padre 77 anni e stato operato un mese e mezzo fà di aneurisma con internvento tradizinale (apertuta torace) dopo una convalescenza lunga e molto soffeta per lui ma sopratutto per mia madre.. siamo riusciti a venirne fuori con punture di vitamine ecc. e riuscito a prendere un pò il eso che aveva perduto dopo l'intervento circa 7 /8 kg. venerdi scorso abbiamo dovuto chiamare la guardia medica per un primo intervento febbra 40..dopo una supposta di tachipirina 500 mg.
ha cominciato star meglio, il medico di turno ha misurato pressione..ecc. tutto a posto.. il giorno dopo..dopo aver preso un'altra supposta...da 500.mg dopo circa un ora..ancora le stesse convulsioone..ballava sopra il letto..freddo e febbra 39,e mezzo..richiamo la guardia medica.dato che la sera orima non ci eravamo accorti che non riusciva a trattenere la pipi...e inoltre era un po scura..l'altro medico della guardia medica che abbiamo chiamato gli ha prescritoo degli antibioticici per un infezione alle vie urinaree.( prostatite).
cosi inizia antibiotico..4 gg oggi..ma smani alle 5.30 ancora febbre a 39..lo abbiamo portato in ospedale..e li..dopo 4 ore di pronto soccorso l'anno dimesso..con la clausola di continuare per altri 5 gg gli antibiorici ..ma se durante i prossimi due gg. dovesse presentarsi ancora la febbre di riportarlo li..ma io dico non potevano ricoverarlo..e proprio vero che la malasanità e cosi schifosa???mi scusi il termine ma sono veramnete stufa...mio padre e stato dimesso dall'ospedale dopo una settimana dal suo internvento...senza nessuno controllo ravvicinato se non a dicembre..fino a dicembre..mi scusi il mio sfogo..ma....

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del20/11/2004

Talora le IMPOSIZIONI BUROCRATICHE alle quali sono soggetti i medici ospedalieri e non, vengono seguite in maniera troppo letterale. Il medico deve avere il coraggio di contravvenire, in casi particolari, a tali norme (vantaggiose solo dal punto di vista economico per la sanità) per il bene del proprio paziente.
Le consiglio, in ogni caso, di contattare in centro nel quale è stato operato per effettuare alcune valutazioni sulla causa di questa febbre.
Auguri

Prof. Giuseppe Castriotta
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
BARI (BA)


Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra