L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

20/11/2006 10:02:48

Anima dolorante

Si può morire di crepacuore, di rimorso, quando tutto e proprio tutto perde di valore, quando nella tua vita non vedi altro che il vuoto, quando tutto quello che hai le cose per le quale hai combattuto lottato lavorato non hanno più significato allora credo sia venuto il momento di andarsene perchè la vita è credere sperare vedere un futuro amare, ma quando tutto questo non esiste più non esisti più e dentro di te non ci sono che disperazione e lacrime lacrime amare perchè potevi aiutare e non parlo fisicamente ma moralmente ma come si suol dire si son date perle ai porci, hai dato valore ha cose che non ne hanno e mai ne avranno come si può vivere specchiarsi sapendo che hai inflitto sofferenza morale psicologica e forse materiale, mi dica è arrivato il momento so che come medico non dirà mai una cosa simile ma in cuor mio sò che è arrivato il momento e non lo temo anzi è atteso come fine di una sofferenza infinita troppo grande sopratutto non farà cambiare ciò che è stato

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del23/11/2006

Capire cosa sia la propria vita, il suo senso, la sua importanza, è proprio il senso stesso della vita. Il fatto che lei scriva qui significa che è ancora alla ricerca di questo senso e vorrebbe proprio trovarlo. Non so quali siano le vicende che l'hanno portata a questo pessimismo, ma avrà sicuramente le sue buone ragioni. Trovare il senso della vita va al di là del compito del medico e credo che ognuno debbe sentirsi libero di trovare la via che più gli si confà: può essere la via della religione, o quella di una fiducia laica verso l'esistenza. Si può fare delle proprie scelte estreme una forma di pensiero serio e filosofico, oppure abbandonarsi all'amarezza individualistica. Non sta a me dire cosa si debba fare. Però a me sembra che lei in realtà vorrebbe uscire da questa amarezza, vorrebbe poter vedere le cose in altro modo, vorrebbe valorizzare di più i propri progetti e le proprie risorse. Io credo che un "sano egoismo" ci possa essere di grande aiuto. Cosa vuol dire? Non pensare di essere a totale disposizione degli altri, ma valorizzare se stessi. A volte dietro la generosità si cela il desiderio di ssere amati e di avere in dietro riconoscenza esattamente nelle forme che piacciono a noi. Se gli altrio così non fanno ci si sente traditi. Provi invece a pensare che lei deve fare le cose solo perchè le piace farle, non per avere in dietro nulla. Si risparmierebbe amarezza e dolore. Ciò che è stato ò stato, ma proprio per questo lei ha davanti a sè la possibilità di cambiare il modo di vivere se stessa. Almeno ci provi! Incominci a pensare, quando si alza la mattina: questo è il primo giorno della mia nuova vita. E veda come riempirla. Trovi interessi da coltivare, amicizie da frequentare, libri da leggere, musica da ascoltare. Mi farà sapere come è andata?

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra