L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

20/05/2005 16:35:06

Ansia e forte mal di testa

Soffro da più di due mesi di attacchi d'ansia e di forti mal di testa dovuti all'irrigidimento involontario dei nervi, sto prendento 10 gocce di xanax non appena sento che sta per insorgere il mal di testa e questo riesce a farmi stare bene per tutta la giornata.
sono già andata da 2 neurologi ed entrambi mi hanno prescritto degli antidepressivi che io mi rifiuto di prendere perchè ho paura che mi facciano più male che bene e che mi cambino ovviamente in peggio.
io faccio tutto quello che ho sempre fatto, lavoro,esco con gli amici e ho anche iniziato ad andare dallo psicologo.vorrei anche eliminare lo xanax anche se purtroppo è l'unica cosa che riesce a farmi passare il mal di testa..
Cosa comporterebbe un continuo mal di testa di questo tipo nel tempo?
E' possibile risolvere la situazione andando esclusivamente dallo psicologo?ho anche capito che il mal di testa deriva dal fatto che ci penso continuamente,me lo provoco praticamente da sola,quando ho la mente occupata non si presentano questi attacchi.
Grazie mille

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del27/05/2005

Se i neurologi che l'hanno visitata hanno con certezza escluso una Cefalea secondaria e si sono orientati su una Cefalea tensiva, come è verosimile data la terapia prescritta (antidepressivi), la presenza di intenso stato ansioso e l'efficacia dello Xanax, quest'ultima (anche se non conosco esattamente il preparato) è adeguata ed efficace in quanto molti di questi farmaci hanno proprietà antidolorifiche a prescindere dall'effetto sul tono dell'umore. L'errore classico trattando un disturbo come il Suo è appunto quello di usare solo ansiolitici (come lo Xanax) e non antidepressivi, che hanno un effetto molto più positivo e duraturo.
Detto questo, va segnalato che la Cefalea (da quanto Lei riferisce) è di recente insorgenza (due mesi) e che, al di là del fatto che sia associata a stato d' Ansia , andrebbe comunque indagata. Non riferisce se i Colleghi le hanno prescritto indagini. Se non ha effettuato nessun accertamento, forse varrebbe la pena di eseguire almeno una TAC.
Nel caso che tali indagini risultassero negative, assuma la terapia con antidepressivi consigliataLe perché nel tempo la Cefalea tensiva (specie se con Ansia ) tende spesso ad aumentare di frequenza.
La psicoterapia può incidere sui Suoi sintomi d' Ansia ma è improbabile che le faccia regredire la Cefalea in tempi brevi.
Cordialità

Dott. Marco Trucco
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Neurofisiopatologia
Specialista in Neurologia
PIETRA LIGURE (SV)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra