L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

20/01/2007 14:36:46

Ansia e panico

Salve !
Sono un ragazzo di 33 anni, sposato felicemente da 1 anno.
Da circa 7 mesi ho cambiato lavoro ed ho assunto un ruolo di identica responsabilità in un'azienda del nord Italia. Da quando ho intrapreso la nuova attività soffro di ansia e (credo) attacchi di panico con forti tremori alle gambe e palpitazioni, soprattutto quando mi trovo solo e quando percorro la strada per raggiungere il posto di lavoro. Ho sempre dimostrato notevole carisma, forza, energia e senso di responsabilità ed ho sempre aiutato coloro che si sentivano insicuri ed erano ansioni (compresa mia moglie). Ora mi scopro piuttosto fragile e non riesco a reagire: dormo bene solo la notte tra venerdì e sabato. Di cosa si tratta? Credete che il tutto sia riconducibile al cambio di azienda? Cosa posso fare? Grazie per l'aiuto.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del23/01/2007

Evidentemente il cambio di azienza ha scatenato in lei emozioni profonde che riguardano il timore di non essere adeguato. Sul piano di realtà ciò non è vero, e lei lo sa, ma è come se , con questo cambio, lei dovesse ricominciare da capo a costruire una sua identità e credibilità. Non parlo di identità professionale perchè mi pare che lì ce ne sia in abbondanza; parlo di una identità profonda che in buona in misura si regge anche sull'immagine sociale e lavorativa, ma che riguarda parti arcaiche della psiche. E' come se sul precedente lavoro e ruolo lei avesse costruito una sua identità forte. Ora le viene a mancare il "contenitore" a cui era abituato. Credo che si tratti di una cosa risolvibile e non drammatica, ma forse è il caso che veda come affrontare il problema. Come tutti i problemi, se affrontato in maniera adeguata finisce per diventare una risorsa; se lasciato inascoltato rischia di fare danni. La via più facile è quella farmacologica (un ansiolitico e via). La via più completa è quella della psicoterapia, possibilmente mirata proprio sull'analisi del significato inconscio del ruolo.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra