L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

10/02/2007 14:33:13

Ansia e paure

Salve ho 26 anni e da circa due mesi la mia vita è cambiata. Fino a dicembre uscivo , viaggiavo, stavo solo a casa, insomma facevo le cose piu semplici senza pensarci sopra poi è subentrata l' ansia.
Cerco di riassumere.Il fatto strano è che tutto è cominciato una sera con un semplicissimo dolore alla spalla e alla clavicola dx: pensavo al peggio avevo paura che quel dolore fosse sintomo di qualcosa di grave.Da quella sera ho cominciato a pensare non direi ossessivamente ma quasi e in maniera ansiosa e crescente alla mia salute.
Cuore, polmoni, stomaco, reni, fegato, linfonodi... ogni piccolo sintomo o dolore mi preoccupa e mi spinge a cercare conforto nel medico curante o su internet ( a volte peggiorando le cose)altre volte invece, mi porta ad avere una crisi di panico (sempre se di crisi di panico si puo' parlare) o forse crisi d' ansia dolore al petto e allo stomaco, vertigini, diarrea, nausea( dopo una notte di dolore al petto e allo stomaco sono andato al pronto soccorso dove mi hanno diagnosticato un attacco di panico). Ne ho parlato con il medico curante il quale mi ha consigliato un ansiolitco e un antidepressivo che ho assunto solo per 3 giorni dopodiche' ho preferito abbandonare visto che la notte del terzo giorno mi sono svegliato con un forte mal di testa ... dolore di stomaco agitazione e muscoli dell' addome bloccati e mi sono convinto di superare questo periodo da me. In queste due ultime settimane le cose sembravano "migliorate" o meglio ho pensato meno alla salute ma l' ansia c è... alterno giorni positivi, dove riesco a pensare positivamente al futuro e a fare progetti a giorni negativi dove nn riesco a stare tranquillo e pensare altro che nn riusciro a superare questo periodo.In entrambi i casi pero' mi preoccupa il pensiero di stare a casa da solo e di uscire e vedere persone..non so nemmeno io se per paura o per mancanza di stimoli... Ad esempio oggi l' ansia è piu' forte del solito e non riesco a stare tranquillo e ho paura : paura di ammalarmi, paura di perdere il controllo... o di impazzire.... cosa devo fare?? Vorrei veramente affrontare il problema ma non so a chi rivolgermi uno psicologo o uno psichiatra?Vorrei affrontare la cosa senza medicinali magari con una psicoterapia ma immagino che i costi siano molto elevati e nn credo che con il mio lavoro riesca a sostenere quel tipo di spesa.La mutua offre servizi di questo genere a un costo meno elevato? La ringrazio per l' attenzione.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del14/02/2007

credo che la cosa migliore sia vedere uno psichiatra per una valutazione. per la psicoterapia viene fatta anche dal servizio pubblico con il ticket, almeno in alcune asl. se non può permettersi la psicoterapia, la cura farmacologica può comunque aiutarla senza rischi.

Dott. Gaspare Palmieri
Casa di cura convenzionata
Specialista attività privata
Specialista in Psichiatria
MODENA (MO)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra