L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

03/12/2005 02:51:06

Ansia o che altro?

Mi chiamo Marco,ho 24 anni e sono disperato...ormai da mesi cerco di combattere contro un malessere che non so proprio da dove possa provenire.Premetto che sono sempre stato una persona "ansiosa",ma adesso,se davvero si tratta di ansia credo davvero di essere arrivato al limite.Il mio problema è che,essendo omosessuale,ho vissuto qualsiasi rapporto sessuale che ho avuto come un dramma per paura di esseremi beccato l'HIV e così ogni volta accusavo tutti i sintomi tipici di questa malattia...non avevo mai trovato il coraggio di fare il test finché ad agosto,dopo che negli ultimi mesi il mio malessere era notevolmente peggiorato ho deciso di fare il test per l'HIV e tutta un'altra serie di esami (tutti a posto).Il test per l'HIv fortunatamente è risultato negativo,però mi hanno trovato posistivo alla sifilide (che ho curato con la penicillina!).Da allora sono crollato giorno dopo giorno,ho cominciato a satre sempre peggio:nausea continua,vertigini,difficoltà di concentrazione,dolore alle gambe,diarrea alternata a momenti stitichezza,tensione continua,disturbi visivi,respiro affannato,paura di morire da un momento all'altro.Ora credo davvero di essere arrivato al limite...due settimane fa e poi di nuovo la scorsa settimana ho avuto delle crisi spaventose...mi sono svegliato di soprassalto con un dolore fortissimo alle gambe,sentivo una sensazione di morte terribile,mi sentivo mancare,avevo la nausea,la pressione era schizzata a 200 e mi sembrava che potessi svenire da un momento all'altro,non riuscivo più a mettermi a letto,sembrava che la mia ente si separasse dal mio corpo e mi facessi stare così male.Ora ho anche il terrore di mettermi a letto perché appena comincio a snetirmi un po' male mi agito e mi tornano le crisi...oppure comincio a dormire ma mi sveglio perché mi manca il fiato e mi sento soffocare.Non ce la faccio davvero più,vi prego aiutatemi,datemi un consiglio...non riesco nemmeno più a fare le cose che facevo prima,non riesco a concentrarmi,ho paura di uscire e di fare progetti anche solo per il giorno dopo.Ma è davvero possibile che 'ansia possa fare stare così male,anche quando potrei essere tranquillo e non avrei motivo di essere agitato?L'unica cosa che sto prendendo adesso è una specie di ansiolitico (EN gocce) e ne sto prendendo 5 gocce alla sera e 5 al mattino ma le cose non migliorano.Vi prego,aiutatemi.....

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del06/12/2005

E' certamente uno stato di Ansia acuta e forse anche di Depressione . Probabilmente l'incertezza con cui ha vissuto fin'ora le sue relazioni sessuali l'ha logorata. Questo paradossalmente potrebbe essere lo stimolo a rivedere il proprio modo di vivere interrogandosi se il rapporto costi/benefici è accettabile o no.
L'En è un ottimo ansiolitico, ma credo che ve ne siano di puù specifici per un caso come il suo.
Tra l'altro lo sta prendendo ad un dosaggio che non le farà molto.
Credo sarebbe il caso di fare una valutazione più accurata del suo stato di Ansia e orientarsi su un farmaco più efficace, oltre ad una riflessione sulle cause che hanno scatenato questa situazione.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra