L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

18/03/2005 16:50:45

ANSIA OSSESSIVA

Sono un ragazzo di 33 anni e sto attraversando un periodo bruttissimo causato dal rapporto finito con la mia ragazza da 2 settimane.la storia e' finita dopo 2anni1/2 quando sono stato io a cominciare a dire ke non andavamo troppo d'accordo ma a me piaceva molto(soprattutto fisicamente) e ho continuato forse x sposarla e stare tranquillo xke' era una ragazza seria e sulla quale potevo contare xke' soffro di ansia e attacchi di panico! le mie storie sono sempre finite x lo stesso motivo.aspetto fino a ke sono loro a lasciarmi e non accetto la situazione! sto male ed e' + forte di me! sono 10 anni ke prendo prazene e triptizol! da 5 mesi solo 10mg di prazene! stavo meglio all'ultima visita di ottobre infatti il mio medico mi ha tolto triptizol! ma ora 24 ore su 24 ho l'angoscia e penso a lei ed essendo del segno del cancro sono troppo emotivo e penso al passato e continuo ad illudermi ke tra me e lei ci possa essere un futuro migliore! dopo tante litigate lei ha parlato con i genitori e non vogliono + ascoltarmi! giustamente loro vogliono proteggere la figlia e li capisco ma non accetto questa situazione! capisco sempre di amare alla follia la persona solo dopo averla persa! sono disperato xke' non riesco a togliermela dalla testa! ovviamente dormo poco mangio poco(53kg)(171cm) e questa storia mi tormenta continuamente! devo riprovare con le sedute di psicanalisi? l'agopuntura fa qualcosa? AIUTATEMI!!!!
scusatemi x la lunga lettera!!! grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del21/03/2005

credo che farebbe bene a intraprendere una cura seria. Le più efficaci strategie terapeutiche sono quelle combinate, cioè che prevedono assunzione di farmaci e psicoterapia. Ovviamente si deve prima fare una valutazione non solo del quadro clinico (cioè i sintomi), ma anche del quadro di personalità, in modo da orientare la cura nel modo più mirato possibile.Lasci perdere l'agoputura: si tratta di una tecnica ottima, ma nel suo caso bisogna intervenire su più aspetti che riguardano il come lei gestisce l'affettività e le relazioni. Quindi la invito a rivolgersi ad uno specialista che abbia competenze profonde.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra