L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

30/07/2008 21:59:14

Ansia per l'ex ragazza

Salve,
sono Matteo ed ho 20 anni. Soffro di Doc da dicembre scorso, ed è iniziato proprio quando avevo un ottimo rapporto con una ragazza che non sapevo se amavo ma che mi regalava forti emozioni. Le mie ossessioni riguardavano idee aggressive come fare del male a qualcuno e poterlo uccidere, poi dopo qualche seduta dallo psicologo questo si è calmato spostandosi sulla mia relazione amorosa... Questo ha mandato in crisi il mio rapporto tanto che lei un mese fa mi ha lasciato dicendo di non essere più innamorata.. Per colpa del doc non riesco a far chiarezza su cosa provo io per lei anche se spesso credo di non amarla ma sono, però, forse troppo dpendente... Fattostà che dopo mesi in cui stavo bene oggi, risentendo la mia ex per messaggio sono stato assalito da un'ansia assai forte ed ho paura di avere delle ricadute sulle mie ossessioni iniziali.Per tranquillizzarmi ho preso una pasticca di Alprazolam, cosa che non facevo da Gennaio!!! ora oltre alla paura dell'essere aggressivo sto avvertendo un'ansia costante al solo fatto di pensare alla mia ex ragazza, e sto pensando di doverla evitare (cosa che assolutamente non voglio).... Da un mese e mezzo non frequento lo psicologo perchè dato che la mia situazione era migliorata voleva far passare un pò di tempo... L'ultima volta però io e la mia ragazza eravamo ancora insieme! Devo preoccuparmi che le mie ossessioni riguardino anche lei ora? Che mi salga l'ansia quando la sento?

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del04/08/2008

Se è stata fatta diagnosi di un DOC considera che si tratta di una modalità psicologica strettamente legata ad una tematica di Ansia e che può "spostarsi" nel corso del tempo da un aspetto all'altro. L'importante è riconoscere se si ripresenta e mettere in atto quello che il programma con la persona che ti ha avuto in cura penso ti abbia insegnato.

Dott. Mauro Milardi
Specialista attività privata
Specialista in Anestesia e rianimazione
Specialista in Igiene e medicina preventiva
Specialista in Psicologia
ANCONA (AN)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra