L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

10/02/2005 14:43:19

Ansia

Mi chiamo Antonella ho 47 anni e da 27 anni soffro di disturbi di Ansia con somministrazione di 3 volte al giorno di EN gocce (21+21-25). Da quando sono entrata in Menopausa (l'anno scorso a causa di Endometriosi ) ho avuto un peggioramento dei disturbi di tipo ansioso e inizio di Fibrillazione atriale (assunzione di 2 compresse al giorno di ALMARITM). Soffro anche di colite spastica con assunzione di 2 volte al giorno di ASACOL 800 e Dissenten. Da quando cominciata assunzione ALMARITM la pancia nonostante i farmaci mi crea problemi diarroici. Ho fatto tutti gli esami per vedere se sono ciliaca (visto che ho una sorella con questo problema, ma sono risultati negativi). Da più di un anno mangio al giorno solo riso completamente scondito, patate bollite e carne bianca. Tutto il resto mi fa male, o debbo andare al bagno parecchie volte con ponderale perdita di peso. Attualmente da circa un mese ho un problema di ipotensione (cominciato in estate con ALMARITM). Non potrei assumere gocce per la pressione (a detta del cardiologo), ma sto talmente male (difficoltà respiratorie e giramenti di testa) che qualche giorno sono costretta a ricorrere al GUTRON. Vorrei sapere In quanto è un problema per me molto preoccupante in quanto non ho solo quello), se l'ipotensione anche in questo periodo può essere legata all'assunzione di ALMARITM o se può esserci qualche altro problema, in quanto il medico di famiglia, già contattato, rifiuta di farmi fare un day-hospital per un controllo generale di tutte le mie patologie. Potreste gentilmente consigliarmi cosa fare? Sono preoccupatissima e disperata! Grazie.


Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del13/02/2005

Probabilmente è vero che avrebbe bisogno di un ricovero in modo che qualcuno facesse un raccordo sulla sua situazione. Come mai il medico di base si rifiuta di accordarglielo?
Saluti.

Dott.ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista in Neuropsichiatria infantile
Specialista in Scienza dell'alimentazione
Specialista attività privata
MILANO (MI)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra