L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

01/03/2006 00:05:42

Ansiolitici

Salve, sono un ragazzo di diciotto anni. ormai da parecchi mesi prendo Lexotan prima di andare a dormire, e qualche volta il pomeriggio se sono nervoso. ho iniziato con dose consigliata (20-30 goccie), ma in seguito riscontrando un calo dell'effetto del farmaco ho iniziato a prenderne 40-45 la sera. sto attraversando un momento particolare, non sono sicuro che neanche il farmaco mi possa aiutare. lo assumo all'isaputa dei miei genitori, l'ho fatto prescrivere dal medico, ma mentendo sulle condizioni di salute. la menzogna è forse una malattia? non lo so... spero possa rispondermi.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del03/03/2006

Spesso chi soffre di Ansia o Depressione si vergogna a "confessare" questa situazione, come fosse una colpa. Questo deriva da un pregiudizio ancora molto diffuso secondo il quale chi soffre di questi disturbi "ha buon tempo". Infatti anocra oggi si sente dire che "con u n po' di buona volontà" si potrebbe guarire.
In realtà l' Ansia e la Depressione sono stati patologici legati alla infelice combinazione di fattori biologici e fattori ambientali. Non ci si dovrebbe affatto vergognare perchè nessuno va a cercarsele queste situazioni!
Non so cosa lei abbia detto al suo medico, ma certo nascondere la realtà non aita a capire quale sia la cura migliore. Tra l'altro farmaco come il lexotan ,se non sono appropriati, rischiano di peggiorare ad esempio una Depressione qualora ci fosse. Il fatto che lei debba aumentare la dose fa pensare che non sia il farmaco per lei e che, probailmnete, lei ha bisogno anche di un sosteno psicologico. Spesso ci si ostina a cercare il farmaco giusto, diementicando che a volte è solo con un sostegno adeguato di tipo psicologico che si tisolvono i problemi. Ma su questo ci sono ancor più pregiudizi!Il mio consiglio è che lei torni dal suo medico dicendo esattamente come stanno le cose. Può essere che il suo medico la invii ad uno specialista: in tal caso non pensi di essere grave! Semplicemente che richiede un trattamento specifico che non sempre il medico di base è in grado di dare. Non si può pretendere che i medici di base possano fare tutto!

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra