14/03/11  - Anterolistesi L5-S1 - Scheletro e Articolazioni

14 marzo 2011

Anterolistesi L5-S1




Domanda del 14 marzo 2011

Domanda


Salve,nel 2004 da rx risultava uno spazio ridotto tra L5-S1 con listesi di L5 su S1, creste iliache sostanzialmente in asse, non alterazioni steo-articolari. A seguito di una forte lombalgia il 21-02 ho effettuato RX LS il cui referto dice: anterolistesi di L5. ridotto il muro posteriore di L5, lieve scoliosi lombare sx-convessa. dalla RSM LS si evince: listesi anteriore di L5-S1 con erniazione ad ampio raggio posteriore de disco che impegna parzialmente i forami i di coniugazione. piccola ernia discale mediana L4-L5, alterata la statica lombosacrale. sono in attesa di una visita neurochirurgica, al momento sono a riposo con corsetto action v, vorrei sapere se il mio "quadro" è grave a tal punto da prendere in considerazione un intervento, o se con le giuste accortezze posso riprendere la mia quotidianeità. so che dovrò fare rx in dinamica, ma da quanto è stato refertato ad oggi, si evince una instabilità della vertebra? al momento sento che l'infiammazione è diminuita perchè non devo più trascinarmi i piedi quando cammino, ma avverto una sorta di "debolezza " al bacino e se inclino il capo in avanti mi sento tirare la zona lombare.

grazie mille.
La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Altre domande di Scheletro e Articolazioni

Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Schede patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Attività fisica: le buone abitudini resistono negli anni
Scheletro e articolazioni
03 ottobre 2017
News
Attività fisica: le buone abitudini resistono negli anni
Mal di schiena e dolore cervicale: come riconoscerli, gestirli ed evitarli
Scheletro e articolazioni
25 settembre 2017
Interviste
Mal di schiena e dolore cervicale: come riconoscerli, gestirli ed evitarli
Troppa Tv mette a rischio la mobilità
Scheletro e articolazioni
12 settembre 2017
News
Troppa Tv mette a rischio la mobilità