L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

03/12/2005 17:11:10

Apnea

Sono un uomo di 48 anni , sono stato sempre bene, non soffro di niente, ma ora mi succede una cosa strana.
circa un mese fa ho avuto una influenza con solamente tosse secca,le spalle erano ok il mio medico di base mi ha fatto prendere un antibiotico e uno sciroppo.
dopo una settimana la tosse si è ingrassata fino quasi a sparire, ma mi ha lasciato un fastidio come solletico sulla gola. il bello è che adesso se io faccio un colpo di tosse o un rischiarare della gola, dopo aver parlato un po, o mentre rido ( non so se mi sono spiegato) io vado in apnea per alcuni secondi, non posso espirare nè inspirare, la sensazione è che soffoco.
passati quei secondi piano piano inizio a recuperare aria con strani versi e alla fine riesco a tornare alla normalità.
il mio medico ha detto che una cosa così non l'ha mai vista e mi ha dato del cortisone, ma la situazione non cambia, le mie spalle sono libere, quindi il problema dovrebbe essere nella gola.( per mangiare e deglutire non ho problemi)
non so se mi sono spiegato bene , e la ringrazio se mi può aiutare .

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del06/12/2005

L'apnea, dopo un colpo di Tosse ,il rischiararsi la voce o il ridere, è dovuta ad un alterazione, o irritazione, o paralisi neurologica che impedisce il normale funzionamento dei muscoli della gabbia toracica, che - a quanto pare - è reversibile in pochi secondi. Anche gli "strani versi", che precedono il completo recupero della funzione respiratoria, indicano un passaggio graduale da una temporanea e/o parziale paralisi dei nervi laringei alla completa normalità. Se si trattasse di infiammazione delle corde vocali il cortisone migliorerebbe, ma trattandosi di alterazione neurologica non risolve il problema. Provi a rivolgersi ad un neurologo per una terapia appropriata.
Cordiali saluti.

Dott. Guido Cantamessa
Specialista attività privata
Specialista in Anestesia e rianimazione


Risposta del09/12/2005

Giusto il problema neurologico, ma io farei molto velocemente una indagine radiografica accurata, penserei anche ad una risonanza. Saluti Alberto Moschini

Dott. Alberto Moschini
CARRARA (MS)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra