L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

13/12/2006 14:29:12

Appendicite

Buongiorno,
ho 36 anni e soffro da anni di infiammazione all'appendicite, cioè mi fa spesso male.
Esiste un esame del sangue che possa rilevare se è infiammata e quindi da operare? Negli ultimi esami del sangue avevo la VES a 9 ma è un dato generico.
Volevo sapere se c'è un esame specifico.
Grazie, B.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del17/12/2006

Cara utente
La diagnosi di Appendicite acuta è una diagnosi clinica ,alcuni esami ematochimici (conta dei globuli bianchi e la formula leucocitaria)possono aiutarti ma non sono specifici.Se parliamo di quelle forme cosidette croniche di appendicopatia, caratterizzate da episodi sporadici o ricorrenti di dolenzia in fossailiaca destra,disturbi quasi sempre funzionali per dilatazione del cieco e attribuiti all'appendice,possiamo affidarci ad un esame contrastografico del colon per evidenziare l'appendice.Io mi regolo,quando lo ritengo opportuno,in questa maniera :Se l'esame contrastografico non evidenzia il lume appendicolare pongo indicazione all'intervento.
Saluti Dr Giuseppe D'Oriano

Dott. Giuseppe D'Oriano
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia generale
NAPOLI (NA)


Risposta del17/12/2006

Come giustamente indicato dal Collega D'Oriano, la diagnosi di Appendicite è fondamentalmente clinica, basata cioè sui rilievi anamnestici e sui dati rilevabili dalla visita. Paradossalmente i problemi non sorgono tanto per la diagnosi di Appendicite acuta, quanto piuttosto per quei quadri di dolenzia ricorrente in fossa iliaca dx che evocano il sospetto di una appendicopatia cronica. In tali casi, e soprattutto nei soggetti di sesso femminile, può essere utile preliminarmente espletare esami che permettano di escludere altre patologie a carico dell'apparato genitale o urinario: fondamenmtalmenre un'ecografia. In casi più specifici, ma sempre lasciandosi indirizzare dai dati anamnestici e clinici, può essere utile estendere gli accertamenti al tratto intestinale (Rx, colonscopia). Gli esami di laboratorio, come da Lei stessa rilevato, aiutano poco. Un esame specifico purtroppo non esiste. Le consiglio di sottoporsi alla visita di un Chirurgo.

Dott. Lucio Piscitelli
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia generale
Specialista in Chirurgia vascolare, angiologia
NAPOLI (NA)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra