L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

12/10/2006 22:01:32

Arnold Chiari?

Ho 46 anni e, in seguito a paresi del VII cranico , ho effettuato RMN col seguente risultato: Ectopia delle tonsille cerebellari.Note di atrofia corticale localizzata in regione parietale posteriore bilateralmente. Il neurologo mi ha detto che non ho patologie neurologiche , ma io continuo ad avere continue cefalee, dolore agli occhi e a volte disturbi visivi e sento il braccio sinistro pesante ,come pure la gamba sinistra, tanto che a volte cammino zoppicando e a volte le dita della sinistra sono impacciate.L'esame neurologico ha evidenziato alla manovra di Mingazzini lieve pronazione dell'arto sup.sin; Alle prove di resistenza lieve ipoastenia AS sin e AI sin.Nella norma il resto. Mi chiedo se i miei disturbi possano derivare dall'ectopia delle tonsille cerebellari, se la mia è la Sindrome di Arnold Chiari e come mai il neurologo che mi ha visitato non metta in relazione i miei sintomi (abbastanza invalidanti visto che suono il pianoforte)con il risultato della risonanza.Soffro anche di tremore essenziale sempre a sinistra (braccio , ma anche gamba)abbastanza accentuato.Possibile che io non riesca ad avere una diagnosi chiara , mentre mi si dice che sempre tutto è dovuto all'ansia?Cosa posso fare perchè i miei disturbi non peggiorino? Mi è stato detto che non posso far nulla, se non prendere antidolorifici e betabloccanti! Ma la mia mano??Voglio suonare!
La prego, mi dia una risposta .Grazie.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del17/10/2006

Gentile Signora,
mi sembra strano che un neurologo non riconosca dei sintomi neurologici, che,mi pare, da quello che dice, essere abbastanza evidenti. L'ectopia delle tonsille cerebellari è una patologia neurologica ! Non posso, a distanza, darLe una indicazione certa, ma ho l'impressione che debba essere attentamente valutata l'indicazione all'intervento chirurgico. Consulti un bravo Neurochirurgo che Le potrà dare tutte le delucidazioni in merito.
Mi faccia sapere
Cordialmente

Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra