L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

19/09/2006 18:00:17

Assunzione di farmaci da 25 anni

Salve,
mia madre è in cura farmacologica da 25 anni a causa della sua depressione. Negli ultimi 5 anni grazie alle medicine è stata abbastanza bene, il problema però è che io ho tanto timore della TOSSICITA' dei farmaci che sta assumendo da più di 25 anni, per questo motivo ( visto che da tre anni non fa una visita specialistica ) la "spingo" ad andare dal dottore ( ma lei non ci va ) nella speranza che gli sospenda la cura o che gli dia dei farmaci meno "Tossici".
Da cinque anni assume tutti i giorni: Control 2,5mg e Noritren 25mg e volevo chiedervi se sono dei farmaci che possono essere assunti continuamente per così tanto tempo, visto che mia madre ha intenzioni di continuare la sua cura senza andare dal dottore. Volevo anche domandarvi se secondo voi mia madre è ormai destinata a prendere antidepressivi per tutta la vita. Ringrazio per la cortese risposta. Cordiali saluti.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del22/09/2006

Capsico la sua preoccupazione :è infatti opinione corrente che i farmaci "facciano male".
Fanno male se sono dati in modo errato. Mi sembra di capire che sua madre è invece soddisfatta della cura.
Non so se sua madre sia destinata a prendere farmaci per tutta la vita perchè non conosco sua madre e quindi non posso pronunciarmi. A volte effettivamente capita che si debba seguire una cura per sempre. Il problema vero sta nel capire se la cura dà buoni risultati o no. E anche se il farmaco viene ben tollerato o no. Un controllo andrebbe comunque fatto, non solo per capire se è arrivato il momento di ridurre o sospendere il farmaco, ma anche per avere un quadro generale dello stato di salute (emocromo, funzionalità epatica e renale).
Se però è 25 anni che assume quei farmaci, vuol dire che un medico glieli prescrive visto che il farmacista non può darli senza ricetta! E' il medico di base? In questo caso potrebbe essere lui a suggerire un controllo specialistico, ma nel frattempo potrebbe essere lui stesso a prescrivere gli esami di controllo generali.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra