L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

11/04/2005 12:26:18

Atrofica corticale severa

Avendo sofferto di forti mal di testa associati a bruciore e parestesie di metà volto dietro parere del medico curante eseguo una tac e varie RMN Cerebrali e una spet gli esami eseguiti hanno messo in evidenza un quadro di atrofia sevgera diffusa e prevalentamente corticale, con risparmio delle regioni ippocampali,la spet ha evidenziato una globale e diffusa riduzione del flusso corticale in entrambi gli emisferi la cui immagine di perfusione risulta " assottigliata e disomogenea. Il fenomeno è più marcato nei territori posteriori ed occipitali superiori,coesiste notevole espansione dell'ipoattività correlata alla scissura interemisferica, stessa alterazione interessa le areee corrispondenti alle cavità ventricolare e alla sostanza bianca. Nel frattempo cominciano ad essserci problemi di memoria ,con i numeri e impossibilità talvolta ad eseguire alcuni tipi di movimenti. Gli specialisti consultati fin ora tutti appartenenti vari centri di ricerca non riescono a darmi una vera e propria diagnosi parlano di atrofia corticale severa,acalculia spaziale con disturbo della memoria e visuospaziale in soggetto affetto da sindrome delle gambe sena riposo. Attualmente sono in cura con rivotril ,cabaser e memac .Desidererei conoscere il vostro parere .
Grazie


Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del14/04/2005

La sindrome delle gambe senza riposo solitamente si presenta nell'ambito dei disturbi in difetto di sonno, e l' Insonnia appunto con un comportamento ipercinetico, può essere legata genericamente al quadro di questa severa atrofia.
Inoltre gli altri disturbi cui accenna sono dovuti alle alterazioni riscontrate e sembrerebbero abbastanza tipici di alcune malattie cerebrali degenerative. Non avendo a disposizione gli esami che ha eseguito e non avendoLa visitata non posso pronunciarmi con certezza, ma mi sembra molto strano che i molti specialisti che Lei dice di aver consultato e che hanno avuto la possibilità di visitarLa e di visionare la documentazione, non hanno saputo esprimere una ipotesi diagnostica.
La saluto con cordialità


Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra