L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

27/12/2006 22:29:48

Attacchi d'ansia, panico, ossessioni

Mia sorella, 27 anni, dopo 2 cause importanti: la perdita di mio padre dovuta ad una causa tumorale celebrale(giugno 2003), e dopo il mio matrimonio (ottobre 2006) ha iniziato ad avere attacchi di panico, fine ottobre 2006, fobie di rimanere sola, e pensieri ossessivi. Lo psichiatra le ha diagnosticato una nevrosi ossessiva, che andava curata con diversi anni di terapia. Lei dopo il primo incontro non ha continuato. Il neurologo, stessa diagnosi, le ha prescritto efexor da 75 mg, più samyr 200 mg,più liposom forte, inoltre prede anche la pillola per la tiroide eutirox. Dopo 4 giorni abbiamo dovuto sospendere perchè gli attacchi di panico sono divenuti insostenibili e si sono manifestati tutti gli effetti collaterali previsti. Il medico curante ha consigliato di prendere dropaxin gocce fea qualche giorni, subito dopo capodanno. Ma la mia domanda è: può una persona apparentemente normale fino a pochi mesi fa (aveva solo dei piccoli atti ripetitivi di controllo delle cose o di eccessiva pulizia) avere questi cambiamenti, e soprattutto può guarire solo con gli affetti dei familiari (lei vive con mia madre, ma io sono quasi sempre con lei), con qualche blando antidepressivo o utilizazndo ansiolitici(tipo en)?.Grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del01/01/2007

è possibilissimo che una persona che non aveva disturbi in momenti di cambiamento importante (matrimonio, lutto) possa sviluppare dei sintomi psichiatrici.
per la terapia per prima cosa non consultate un neurologo (che non si occupa di queste cose), ma uno psichiatra per la terapia farmacologica (anche se il dropaxin può andare bene). può aiutare molto anche la psicoterapia, come sicuramente il sostegno dei famigliari che non deve essere una presenza continua ma più un incoraggiamento, un tifo.

Dott. Gaspare Palmieri
Casa di cura convenzionata
Specialista attività privata
Specialista in Psichiatria
MODENA (MO)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra