L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

29/08/2008 16:54:22

Attacci di panico ?

Le spiego il mio problema, penso si tratti di attacchi di panico, ma qualcosa non mi torna. Ad aprile mi sento sentito male, sentivo il cuore battere forte (non solo velocemente, ma anche forte), sentivo un senso di oppressione nel petto, mal di testa, orecchie tappate e dolore al braccio sinistro. Temendo un disturbo cardiaco (anche se ho solo 30 anni) sono andato al pronto soccorso, ma non avevo niente di particolare, semplicemente il cuore leggermente accelerato. Mi hanno detto che si trattava di emicrania per stato ansioso. Gli stessi sintomi si sono ripetuti 2-3 volte nell'arco di circa 10 giorni. Si trattava di un periodo stressante al lavoro (in cui c'era anche insodisfazione lavorativa) ed avevo un problema (che però ci vorrà forse qualche anno per sistemarsi definitivamente...). Inoltre, mangiando, facevo sempre fatica a digerire.
Il mio medico mi ha prescritto una cura di lexotan (8 gocce x 3 volte al giorno per 15 giorni), che poi ho ridotto, in quanto la situazione era migliorata. Da un po' di tempo, però, ho ricominciato ad avere una sensazione strana. Sto dormendo di meno e ovviamente mi sveglio stanco, ma difficilmente riesco a dormire più di 6 ora a notte (di solito prima dormivo 8 ore). Soprattutto, però, mi sembra quasi sempre di essere dentro il mio corpo, ma come slegato, come se il cervello fosse nella mia testa, ma staccato da me (non riesco a spiegarmi meglio...) ed anche i sensi sono diversi, come se, ad esempio, anche il tatto fosse staccato da me. Inoltre, qualche volta sento delle palpitazioni (circa ogni 10 giorni). Non sto prendendo lexotan, qualche volta semplicemente un estratto naturale di camomilla per dormire un po' più tranquillo la sera. PEnsavo che le ferie mi facessero bene, invece qeusta sensazione continua ad esserci. Inoltre mi sento meno coinvolto dai discorsi con gli altri e parlo meno, faccio meno battute, come se fosse diminuita la mia verve. In questo periodo sto pensando di sposarmi ed ho anche pensieri relativi a questo passaggio fondamentale che comporta grandi cambiamenti ed anche responsabilità maggiori.
Questa situazione dipende dagli attacchi di panico? o si tratta di depressione? o si tratta di ansia? ho una gran paura che mi sto ammalando e che non tornerò come prima...Leggo che gli attacchi di panico ci sono ogni tanto, mentre questa sensazione ce l'ho quasi sempre ed ormai da molti giorni...
Grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del04/09/2008

Farebbe bene a sentire il parere di uno specialista che, attraverso un colloquio clinico ben fatto, può individuare la struttura di fondo sulla quale si sono collocati i suoi sintomi. Potrebbe esserci una forma depressiva e in tal caso la cura farmacologica deve essere modificata. Oppure potrebbe esserci una condizione ansiosa con aspetti ossessivi. Va valutato direttamente. Prenderei in considerazione non solo la cura farmacologica , di cui ha sicuramente bisogno, ma anche una psicoterapia. Anche questa va valutata con attenzione in modo da capire se sia meglio una psicoterapia di tipo analitico o una terapia di tipo cognitivo.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra