L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Sessualità

10/12/2005 17:17:04

Azoospermia

Salve, ho 32 anni e ho effettuato visita andrologica per problema erettivo. effettuati ecodoppler penieno e s.p.a.c.e., il mio andrologo ha escluso problemi organici e mi ha detto che la causa è puramente psicologica. mi ha prescritto viagra 25 per superare il blocco e di cui, secondo lui riuscirò a fare a meno una volta superato il blocco psicologico (è vero??), e uno sconosciuto farmaco da assumere 3 volte al giorno per 3 mesi: yohandrol. di che farmaco si tratta? c'è da fidarsi?
durante la visita è inoltre emerso una grave problema: avendo subito all'età di 8-9 anni intervento per criptorchidismo bilaterale, mi ha riscontrato testicoli piccoli e lo spermiogramma ha evidenziato azoospermia. valori ormonali: FSH 21.2 - prolattina 59.6 - testosterone 4.38 - LH 13.1. data l'operazione infantile eseguita tardi, la dimensione dei testicoli, l'azoospermia e l'fsh alto, mi è stato detto che la fertilità è compromessa, e mi ha proposto una biopsia testicolare. vorrei sapere: ho qualche speranza di cura o è infertilità certa e irrimediabile? la biopsia è proprio necessaria? è pericolosa? non è che corro un inutile rischio?
grazie.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del14/12/2005

Sicuramente, per quanto riguarda l'assenza di spermatozoi nel liquido seminale, la sua storia clinica , l'FSH eccetera, eccetera fanno pensare che il problema sia di origine testicolare. Le sconsiglio in modo categorico una biopsia a scopo esclusivamente diagnostico, cioè per capire la causa della sua azoospermia. Nel suo caso è importante cercare di recuperare , se ci sono ,nidi di produzione spermatica a livello testicolare e quindi crioconservare gli eventuali spermazoi recuperati per utilizzarli in futuro in una eventuale tecnica di fertilizzazione assistita in vitro. Consulti un andrologo esperto in patologia della riproduzione umana . Comunque se desidera avere più informazioni su queste problematiche le consiglio di leggere il libro , scritto dalla dra Elisabetta Chelo , "Quando i figli non arrivani" CIC edizioni internazionali, Roma.Cordiali saluti.

Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Sessualità







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra