L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Salute maschile

18/11/2005 20:18:10

Biopsia Prostatica

Gentile dottore, mi chiamo Mario le scrivo l'esito della biopsia prostatica eseguita il 9 novembre. Iperplasia fibroleiomiomatosa e adenomatosa della prostata con note di atrofia ghiandolare e infiltrazione flogistica linfopl Asma cellulare. Aggiungo che ho sofferto ( non in questi ultimi anni) di frequenti attacchi di prostatiti, curati con terapia adatta ( antibiotici e supposte di mictasone), e che il mio Psa, ragione della biopsia, è di valore 8. L'ecotranserettale riferiva: DIMENSIONI AUMENTATE (d. l .l. 52 mm circa, d.a.p. 38 mm circa, d.l. 43 mm circa). Zono di transizione aumentata di volume per iperplasia adeno-leio- miomatosa. Zone periferiche e centrale ad ecostruttura omogenea. Profilo capsulare apparentemente integro. Mentre la visita rettale riferiva: Prostata aumentata di volume ( x 2,5), asimmetrica per prevalenza volumetrica del lobo destro, superficie e consistenza regolari, dolente alla palapazione. A cosa vado incontro? La ringrazio dello spazio a me concessomi e mi scuso per la lunga domande, grazie e buon lavoro.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del24/11/2005

E' una ipertrofia della ghiandola prostatica che deve essere attentamente e con costanza valutata e monitorizzata nel tempo. Segua le indicazioni che le ha fornito il suo urologo. Cordiali saluti.

Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Salute maschile







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra