L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Allergie

05/04/2006 21:35:40

C.a.dott.Moschini

Buonasera dottore,
mi rivolgo a lei perchè ho visto che spesso nelle sue risposte parla di sindrome da stanchezza cronica.
Io da diversi mesi accuso stanchezza, spossatezza estrema, specie durante il giorno, con una remissione serale. devo anche dire che sono ansiosa ed in questo periodo, molto stressata. Da mesi dormo 5 ore per notte, andando a letto molto tardi, intorno alle 2 , e svegliandomi alle 7, un'ora prima della sveglia, sempre con senso di ansia e con la sensazione di non avere energie per affrontare la giornata. Lavoro 12 ore al giorno e torno a casa devastata! Non faccio nessuna attività fisica, stando sempre seduta davanti al computer, e mangio di corsa. Il mio medico, che è anche specialista in psichiatria afferma che non sono depressa, come pensavo, ma soggetta a forte ansia , per cui non mi ha prescritto alcuna cura tranne alcuni colloqui con lui. Ho eseguito visita cardiologica e neurologica con esito negativo, oltre agli esami del sangue di routine e a quelli specifici per la funzionalità tiroidea, controllati dal medico e risultati nella norma. Mi chiedo, è forse davvero lo stress che provoca questi sconcerti, o potrebbe essere la sindrome da stanchezza cronica?A cosa è dovuta? Ho letto di tutto di più, ma non si capisce bene...
Come si scopre? Come si contrasta, in caso?
La ringrazio se mi vorrà rispondere.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del09/04/2006

Gli esami eseguiti vanno sempre riferiti, “specifici per la funzionalità tiroidea”, sono stati eseguiti tutti o solo Ft3, Ft4, TSH. Lei dice che è ansiosa, non dorme la notte. Sono tutte alterazioni dell’asse HPA, Hypothalamic Pituitary Adrenal axis nelle sue funzioni, e della PNEI, psiconeuroendocrinoimmunologia, determinate da una infiammazione che persiste nel suo organismo e che va cercata. In questi casi, come la sindrome da stanchezza cronica, il maggiore responsabile, è il virus di Epstein-Barr, che una volta entrato, dopo che il sistema immunitario ha sviluppato anticorpi, ha la proprietà di nascondersi al medesimo e di rimanere indisturbato. Pensi che produce una proteina simile all’Interleuchina 10, che viene prodotta per comunicare a tutto il sistema che l’infiammazione è cessata. Purtroppo spesso si legge nelle risposte del laboratorio analisi, “infezione pregressa”, ma così non è, inoltre gli esami ematochimici hanno sempre bisogno di un riscontro clinico, elaborato con l’esperienza e con i dati della letteratura internazionale. Lo sress provoca semplicemente un abbassamento del sistema immunitario, permettendo a virus e batteri o di entrare, oppure di riprendere forza, perchè il guardiano è occupato. Altrimenti si invoca troppo spesso, mandanado la persona dallo psichiatra, l’ Ansia , insieme ad altri sintomi vaghi e aspecifici, è generata dalla risposta del sistema all’infiammazione, che spesso è asintomatica e subclinica. Questa va cercata, individuato il responsabile e stimolato il sistema a portarlo via. Questo è il lavoro che si deve fare, proprio per questo, in studio ho esami strumentali sia di medicina convenzionale, TOMEEX, Analisi Corporea, esami di medicina biologica, per facilitare il ragionamento ed individuare in breve tempo, una o due ore, le varie problematiche che hanno determinato la patologia in quella persona. La terapia viene di conseguenza, dall’analisi della persona, delle varie cause che hanno determinato la patologia, in medicina biologica ho a disposizione molti farmaci adeguati.
In pratica, la sindrome da stanchezza cronica è determinata dal virus di Epstein-Barr, che vive indisturbato nelle cellule dell’organismo, da qui toglie sostanze, come ad esempio l’acetil-L-carnitina, in varie zone cerebrali, deputate al dolore e alla fatica. La terapia, come dicevo, viene di conseguenza, seguente al ragionamento diagnostico.
Gli esami della tiroide vanno ripetuti aggiungendo quelli specifici degli anticorpi.
Le consiglio:
Tipizzazione HLA classe I e II. Con espressione genica e corrispondenze sierologiche.
Tipizzazione linfocitaria e sottopopolazioni:
CD3, CD4, CD5, CD8, CD19, CD20, CD16/56, CD23, CD25,
anticorpi sierici anti tireoglobulina
anticorpi sierici anti microsoma tiroideo (TPO)
Tireoglobulina
anticorpi sierici anti recettore TSH (anti TRAK)
FT3, FT4, TSH
Anticorpi antinucleo (ANA e frazioni (ENA, Sm, RNP)
Calcitonina
Prolattina (possibilmente al 21°giorno mestruale)
ANTICORPI ANTI-CITOMEGALOVIRUS lgG e lgM
· ANTICORPI ANTI-EPSTEIN BARR (EBNA-IgG, EBNA-IGM, VCA-IGG, VCA-IGM, EA-IGG, EA-IGM)
· ANTICORPI ANTI-HELICOBACTER PYLORI lgG e lgA
Saluti


Dott. Alberto Moschini
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
MASSA (MS)


Altre risposte di Allergie







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra