L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Allergie

10/01/2006 16:30:24

C.a specialista in omeopatia - domande su cure omeopatiche

Buongiorno, la presente per chiedere un Vostro parere in merito ad un personale problema che sto curando con farmaci da 2 anni: l’insonnia.

Il disturbo si è presentato circa 2 anni fa, durante un periodo di cambiamenti che avvenivano tutti insieme (acquisto nuova casa, trasloco e cambio lavoro): mi sono rivolta al mio medico di base ( attualmente ho 28 anni ) e mi ha prescritto nell’arco di 4-5 mesi vari farmaci (LEXOTAN, gocce calmanti,stilnox, prodotti erboristici) cambiando nelle settimane i dosaggi e provando varie interazioni e ancora farmaci simili ma senza aver nessun risultato neppure minimo (senza consigliarmi visite presso specialisti in materia ma continuando a fare prove con medicinali e dosi varie!!!). Dopo 5 mesi, raggiunto ormai un malessere insopportabile (dormivo massimo 3 giorni a settimana e con interruzioni frequenti dovute all’ansia) mi sono fatta visitare da uno specialista in neurologia di un noto istututo di Milano - reparto “disturbi del sonno”, e mi è stata prescritta una cura per 6 mesi di MUTABON ANSIOLITICO dopo cena abbinato a 25 gocce di EN prima di coricarsi. La cura ha dato dopo qualche settimana dei buoni risultati e verso lo scadere dei 6 mesi funzionava ottimamente e regolarmente. Terminati i 6 mesi di cura, ho subito effettuato un controllo presso lo stesso specialista che mi ha prescritto una cura per 1 anno di MUTABON MITE (per l’ eccessiva attività mentale) dopo cena abbinato a 15 gocce di EN prima di coricarsi (come calmante).

Non ho avuto eccessive difficoltà ad abituarmi alla nuova cura, ma durante il terzo controllo avvenuto a fine 2005 (a distanza di ancora circa 1 anno) presso lo stesso specialista, mi è stato prescritto di continuare l’assunzione di MUTABON MITE + 15 gocce di EN prima di coricarsi come terapia di mantenimento e di non tornare per altri controlli. Solo in caso di gravidanza -mi ha detto- avrei dovuto togliere subito il MUTABON MITE e continuare nel tempo con le sole gocce di EN. Mi ha confermato che non puo’ togliermi questi medicinali (soprattutto il mutabon mite) poiché pur non essendoci cause psicologiche si era creata una forma di insonnia cronica nonostante la mia vita fosse regolare e priva di problemi emotivi o simili. Gli avevo anche spiegato che avevo cercato senza successo a diminuire le dosi, e questo lo ha convinto -mi ha detto- a non togliermi il mutabon mite (nemmeno poter assumere mezza capsula). Quest’ultima visita non mi ha convinta: sembra io debba seguire questa cura a vita e ho cercato quindi di informarmi tramite libri ed internet su rimedi alternativi. Mi sono resa conto che esistono metodi alternativi e naturali: prima d’ora ero al corrente della sola agopuntura, ma sono venuta a conoscenza che nel mio caso vi è la possibilità di passare alla cura con l’omeopatia. Inoltre non ho piu’ intenzione di assumere i farmaci sopra descritti (farmaci che tra l’altro hanno numerosi effetti collaterali e che mi hanno fatto velocemente aumentare di peso nonostante seguissi una dieta!). Vorrei infatti sapere se



una cura con l’omeopatia nel mio caso potrebbe risultare blanda – cosa che sostiene vivamente lo specialista in neurologia.




è possibile chiedere consiglio e rivolgersi direttamente al farmacista per l’acquisto?


So che nel mio caso, per la cura dell’ Insonnia è consigliata:
-Per eccessiva attività mentale: COFFEA CRUDA 9 CH, 5 granuli alla sera.
-Insonnia in persone ansiose: IGNATIA 9 CH, 5 granuli alla sera.







Grazie per l’attenzione.

Sig.ra Mariangela.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del28/01/2006

Nel corso della sua esauriente spiegazione ha riferito importanti sintomi che come similitudine indicano Argentum Nitricum 200CH, che va anche bene aggiunto ai due che lei ha indicato, inoltre vanno aggiunti anche fiori di Bach. Ma anche Jodum ha sintomi inerenti.
Inolttre poichè ha attraversato un periodo molto stressante, potrebbe aver abbassato il suo sistema immunitario, permettendo l'ingresso di patogeni, che va controllato. Il metodo più veloce è l'elettroagopuntura secondo Voll, che andando sui punti di agopuntura è molto preciso nel determinare virus e batteri. Ma anche con la medicina convenzionale è abbastanza facile e aiuta il ragionamento omeopatico. Le coniglio di eseguire:
Transaminasi, gammaGT,
emocromo e formula, piastrne, Tipizzazione linfocitaria e sottopopolazioni:
CD3, CD4, CD5, CD8, CD19, CD20, CD16/56, CD23, CD25,
anticorpi sierici anti tireoglobulina
anticorpi sierici anti microsoma tiroideo (TPO)
Tireoglobulina
anticorpi sierici anti recettore TSH (anti TRAK)
FT3, FT4, TSH
· ANTICORPI ANTI-CHLAMYDIA PNEUMONIAE lgG e lgM
· ANTICORPI ANTI-CHLAMYDIA TRACHOMATIS ]gG e lgA
ANTICORPI ANTI-CITOMEGALOVIRUS lgG e lgM
· ANTICORPI ANTI-EPSTEIN BARR (EBNA-IgG, EBNA-IGM, VCA-IGG, VCA-IGM, EA-IGG, EA-IGM)
· ANTICORPI ANTI-HELICOBACTER PYLORI lgG e lgA
Questi esami possono anche facilitare la prescrizione di un farmaco omeopatico.



Dott. Alberto Moschini
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
MASSA (MS)


Altre risposte di Allergie







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra