L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Occhio

22/05/2008 23:20:49

Calazi

Buon giorno,
ho una bambina di 15 mesi che un calazio abbastanza grande sulla palpebra superiore dell'occhio sinistro e due calazi orzaioli sulla palpebra inferiore destra da circa 4 mesi, l'abbiamo curata con gocce e crema antibiotica ma, onestamente l'applicazione risulta difficile perchè impossibile farla restare ferma!!cosi come massaggi e pulizia degli occhi non sono facile da effettuare. Esistono cure alternative?medicine ad uso orale?Quale puo essere la causa?puo dipendere dall'alimentazione? Dal sole o vento (nella zona in cui abitiamo ce n'è tutti i giorni)? Ringrazio per l'attenzione

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del25/05/2008

Carissima,
il calazio è una flogosi granulomatosa di una ghiandola di Meibomio, il cui dotto escretore risulta ostruito. Questo tipo di infiammazione è un processo cronico ed i sintomi sono incredibilmente lievi, se si esclude la sensazione di peso palpebrale o di fastidio per la presenza di “qualcosa” sull’occhio.
oltre quelli ovviamente estetici e quindi oggettivi.
IGIENE OCULARE
La prima efficace barriera difensiva dell’occhio è formata da
palpebre, ciglia e lacrime che “ lavano” la gran parte delle
sostanze o dei batteri che cercano di aggredire la superficie
oculare. Il lisozima contenuto nel film lacrimale è un potente
agente antibatterico.
Tuttavia è necessario adottare diverse norme igieniche per
ridurre il carico batterico locale e ,di conseguenza,il rischio di
infezione.
• L’igiene oculare quotidiana: lavare accuratamente le mani
e lavare delicatamente la regione perioculare due volte al
giorno. Utilizzare,durante ogni patologia oculare in atto, garze
sterili medicate preconfezionate.
L'evoluzione del calazio è condizionata dalla possibilità della ghiandola di svuotarsi, se ciò avviene, può guarire spontaneamente; l' applicazione ripetuta nel corso della giornata di impacchi caldi agevola questo processo. Se si associa una Blefarite significativa, può essere utile un antibioticoterapia topica.
I soggetti affetti da calaziosi vanno sottoposti ad una accurata e giornaliera detersione della rima palpebrale per la possibilità che il fenomeno si ripresenti specialmente i neonati o nella prima infanzia specialmente se c on problemi di alterato transito intestinale del tipo Stitichezza !

Un caro saluto.
siravo@supereva.it
http://siravoduilio.beepworld.it

Dott. Duilio Siravo
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
PISA (PI)


Altre risposte di Occhio







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra