L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

23/02/2005 15:36:34

Cannabis: effetti sulle cognizioni logiche

Salve,
mi chiamo Andrea, sono uno studente di matematica e di conseguenza tutti i giorni metto alla prova le mie cognizioni logiche che, come ogni tipo di prestazioni, in certi periodi fluttuano tra alti e bassi per motivi così vari da essere assunti come casuali.

Come si intuisce dal titolo del messaggio mi capita, oramai non troppo spesso, di fare uso di cannabis ma mi è capitato di farne un uso più frequente durante la mia prima adolescenza.

Le opinioni sugli effetti collaterali sono a volte contrastanti anche tra gli addetti ai lavori, ma chiedo un parere scientifico alla luce delle (presumo) svariate ricerche condotte sulla questione.

Per quello che ho potuto osservare da vicino mi sembra palese che in "drogati" cronici di mezza età i disturbi psichici si facciano sentire in termini di ansia e depressione, ma per il consumo sporadico io da osservatore non specializzato quale sono non sono riuscito a trarre conclusioni.

Quello che vi chiedo è:
le cognizioni logiche possono essere influenzate in maniera permanente o comunque prolungata anche da un uso non cronico?
Esistono degli studi su questo argomento?
In quanto specialisti che opinione avete in merito?
Si è capito cosa succede realmente ai neuroni ed alle sinapsi di un individuo che fa uso di cannabis (un tempo giravano leggende che la cannabis distruggesse i neuroni)?

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del20/03/2005

E' certamente dimostrato che chi fa uso frequente di cannabinoidi ha diversi seri danni a livello cerebrale. Non si può dire che la cannabis distrugge i neuroni ma sicuramente altera i valori neurotrasmettitoriale determinando disturbi di vario genere prevalentemente dell'umore e della memoria. Pertanto, l'unico consiglio che si può dare è di non farne uso per niente, perchè, ad oggi, non si è in grado di stabilire una "dose permessa" e, soprattutto, non si sa se questi danni si protraggano nel tempo malgrado la sospensione o il ridotto uso.

Dott. Edoardo Gentile
Casa di cura convenzionata
Specialista in Neurologia
TORINO (TO)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra