L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

23/02/2005 11:32:49

Carcinoma mammario: recidiva

Desidero ricevere informazioni relative ad un paziente che all'età di 37 anni (1992 ) è stata sottoposta a quadrantectomia per carcinoma mammario di tipo fibroso infiltrante sede quadrante suopero esterno a destra.
All'esame istologico il tumore presentava una grandeza di circa due centimentri, con svuotamento del cavo ascellare:asportati trenta linfonodi - solo il primo all'esame istologico presentava metastasi subtotale - gli altri ventinove erano negativi.
il 10 aprile 2005 alla paziente viene riscontrato in sede sottoclaveare a destra con esame ecografico un linfonodo ingrossato di circa quattro centimentri, non palpabile all'esame obiettivo .
indagini eseguite : agoaspirato positivo per cellule maligne;
scintigrafia ossea negativa,
torare negativo
ecoaddome e pelvica negativo
markers tumorali negativi
mammografia bilaterale, negativa.
si pensa sia una recidiva e si chiede, gentilmente, un consiglio sul tipo di intervento chirurgico, terapia medica e radioterapia.
P.S. il tumore asportato nel 1992, presentava recettori per gli estrogeni e negativo per i progestinici (

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del26/02/2005

Gentile Sign.ra
credo che l'intervento da fare sia l'asportazione del linfonodo riscontrato all'ecografia ai fini di un esame istologico e delle ulteriori indagini diagnostiche da fare ai fini di consigliare un ulteriore trattamento chirurgico. Credo nell'impossibilita' che un linfonodo di circa quattro cm non sia palpabile visto che le normali dimensioni sono circa di 1 cm e mezzo e comunque ben visibile con l'ecografia.Cordiali saluti

Dott. Luigino Bellizzi
Medico Ospedaliero
SAPRI (SA)


Risposta del03/03/2005

E' stata fatta all'esordio una chemioterapia adiuvante? con quali farmaci?

Data l'eta giovane suggerirei un trattamento chemioterapico di prima linea con antracicline e taxano seguita da radioterapia sul linfonodo se questo si confermasse sede unica di malattia

Dott. Paolo Alessandroni
Medico Ospedaliero
Specialista in Oncologia
Specialista in Radioterapia


Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra