L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Scheletro e Articolazioni

14/09/2007 19:33:16

Caviglia

Salve a tutti.
Sono una ragazza di 17 anni e lo scorso gennaio mi sono infortunata alla caviglia precisamente lo strappo dei legamenti della tibio tarsica. All’inizio non mi sono curata a dovere usando solo cerotti antinfiammatori a basse dosi e continuandoci a camminare sentendomela però incredibilmente debole. Poco dopo è bastata una piccola buca per ripendere una slogatura però meno invasiva. Cosi mi sono decisa a rivolgermi ad uno specialista e la sua cura è stata:
utilizzo di un tutore per un mese (per far tornere alla giusta lunghezza i legamenti che si erano allungati per compensare quelli strappati)
fisioterapia:elettrostimolazioni con onde di koz (scusi l’ignoranza se non è scritto correttamente) , manipolazioni del fisioterapista+ esercizi. Terminate le 10 sedute la caviglia dava ancora problemi, non avevo più dolore ma un senso continuo di fastidio. Pertanto ho fatto 6 sedute di laser e ultrasuoni. Il laser davvero faceva miracoli. Alla fine mi ha rivista l’ortopedico dicendomi che ero stata molto fortunata in quanto mi ero scampata l’operazione e che comunque e in qualunque caso se mi dovessi infortunare di nuovo sarebbe costretto a ricostruirmi il legamento con un’operazione e che la caviglia sarebbe tornata forte tra un annetto. Dalla visita inoltre si è visto che il legamento era ancora infiammato perché provo dolore al tatto consigliandomi quindi di fare del laser quando ne avessi bisogno. Spero mi confermiate che questo specialista abbia fatto un buon lavoro. È passato più di un mese dall’ultimo laser…la mia caviglia va notevolmente meglio la sento più forte, non riesco però a mettermi a gambe incrociate,i gesti improvvisi mi danno fastidio, se tocco il legamento percepisco un lieve dolore che pero si intensifica nel caso in cui stia ferma per qualche giorno(magari per una convalescenza di qualunque tipo) infatti provo un fastidio anche ai peronei che mi dicono soffrono se la caviglia non sia stabile. Il tutto migliorerà col passare del tempo? Facevo danza jazz che è una specialità dove si presuppone molta tecnica ,per ora ho lasciato ma davvero sarebbe uno sport da evitare?? E se si quale sport mi consiglia?ringrazio anticipatamente! Grazie Michaela

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del17/09/2007

la sua sintomatologia depone per una sindrome "da impingement" della tibio-tarsica, dovuta ad un'ipertrofia dei tessuti riparativi delle lesioni legamentose.(quali e come si può stabilire solo con una valutazione clinica). Un' ulteriore terapia, una volta verificato lo scarso successo della fisioterapia potrebbe essere l'artroscopia. Vale a dire sia una pulizia della cicatrice legamentosa che una ritensione dei legamenti lassi, con sonda a radio-frequenza. L'intervento è solitamente semplice, breve e ove le indicazioni siano corrette di buon risultato.

Dott. Mario Pigni
Medico Ospedaliero
Specialista in Fisiatria
Specialista in Ortopedia e traumatologia
LEGNANO (MI)


Altre risposte di Scheletro e Articolazioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra