L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

26/09/2006 00:03:44

Cefalea a eziologia ancora sconosciuta

Gentile Dottore,
Le scrivo per conto di una mia amica( 20 anni, mai sofferto di mal di testa) che esattamente da 12 giorni sta soffrendo di una dolorosa cefalea. I primi due giorni ha cominciato a falre male il lato sinistro della testa, poi ha cominciato a sentire "pulsare" un vaso sanguigno sempre sul lato sx del capo, sulla tempia, sotendendo che si fosse ingrossato. Il dolore si è esteso all'occhio sx, toccandolo inzilamente scompariva il dolore, ma ora è diventato impossibile anche sfiorare il lato sx del volto e del capo. La cosa più "inquietante" riguarda i tremori notturni che si sono aggiunti da un paio di giorni e che duarno ogni notte più di un'ora. La mia amica è andata al pronto soccorso 4 giorni fa, lì ha fatto una tac, che è risultata negativa. Le è stato prescritto un farmaco conro l'emicrania ma non ha cambiato nulla purtroppo. Il medico di base le ha dato un farmaco contro la nevralgia del trigemino, "un farmaco molto forte" ha detto, che poteva lasciarla intontita; e così sta succedendo, la mia amica accusa giramenti di testa e non riesce a stare in piedi, e purtroppo la cefalea invalidante permane.
Tra qualche giorno forse riuscirà ad andare da un neurologo..ma nel frattempo Lei cosa può dirci? cosa ne pensa?

La ringrazio per l'attenzione.
Cordiali saluti,

G.V.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del29/09/2006

Non è possibile esprimere un giudizio per quanto riguarda la Cefalea della Sua amica senza visita ed esame obiettivo. Il dolore sembra atipico e non risponde ai farmaci antiemicranici e nemmeno ai farmaci utilizzati per le nevralgie e il dolore neuropatico.
E' necessario, in tali casi, escludere disturbi d' Ansia e depressivi ovvero malattie internistiche che richiedono, se presenti, un trattamento specifico.
Per quanto detto è necessaria una attenta valutazione Neurologica.

Tanti saluti.


Dott. Massimo Muciaccia
Medicina Territoriale
Specialista in Neurologia
BARI (BA)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra