L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Scheletro e Articolazioni

10/01/2007 18:06:12

Cervicale

Egregio dottore,
A meta' ottobre del 2006 ho subito un tamponamento.
I primi giorni successivi all'incidente sono andato al pronto soccorso,dove mi hanno prescritto un collare e mi hanno diagnosticato una distorsione al rachide cervicale.
Appena finito di portare il collare,sentendomi molto bene ho riiniziato la mia attivita' in palestra.
1 mese circa dopo,pero',a novembre,mentre stavo mangiando una coppa di gelato sono stato male..
Avevo una forte sensazione di vertigini,mi sembrava di soffocare perche' non riuscivo a deglutire e tremavo molto forte in tutto il corpo.
Da qui mi hanno portato al pronto soccorso,dove mi hanno somministrato dei sedativi,mi hanno fatto le analisi del sangue(che sono risultate perfette) e poi mi hanno mandato a casa,etichettando il mio malessere come "attacchi di panico".
Il mio medico curante,dunque,mi ha prescritto una cura di paroxetina,ignorando le mie richieste di farmi controllare il collo perche non riuscivo a muoverlo bene.
Dopo due settimane di uso di Paroxetina EG continuavo a sentirmi peggio,allora mio papa mi porto' da uno specialista nonche' medico legale,che dopo avermi sottoposto ad alcuni esercizi(quali il congiungere i piedi,alzare le mani e chiudere gli occhi e il toccarsi la punta del naso ad occhi chiusi),ha stabilito che tutti i miei disagi erano provocati dalla perdita della lordosi cervicale e dal disallineamento dell'atlante.
Quindi mi disse di farmi in casa un salsicciotto di cotone molto rigido da mettermi sotto la nuca quando ero sdraiato e da utlizzare per 20 min. due volte al giorno.
In sole 2 settimane dall'inizio di questo trattamento mi sentivo decisamente meglio:riuscivo a mangiare,avevo piu' forza,respiravo meglio.
Fino a che,due giorni fa,mi alzai "inverso" e non me la sentivo di mangiare perche' provavo come un "groppo" alla gola.
Arrivato a ora di cena digiuno,provai a mangiare un boccone di torta...
Non appena deglutito,ho iniziato a sentirmi male,mi sono andato a sdraiare a letto che tremavo come una foglia,avevo molto freddo,mi sentivo soffocare e mi sembrava che il cuore,da quanto batteva forte,stesse per esplodere.
Per fortuna che mia madre mi ha somministrato le EN gocce,che in 10 minuti circa mi hanno rilassato e sono riuscito ad addormentarmi.
Ora,tramite l'impegnativa del mio medico curante,ho prenotato delle altre lastre presso uno studio privato alla rachide cervicale per vedere effettivamente in che situazione sono le mie vertebre e come mai non sono ancora guarito.
Un'altra cosa che ho notato e' che adesso,a differenza di prima,quando faccio i 20 minuti col "salsicciotto"sotto la nuca,alla fine non mi sento molto bene,ed ho delle piccole sensazioni di nausea e vertigini.
Mi potrebbe dare il suo prezioso parere?
Perche' sono piu' di 2 mesi che sto vivendo questa vera e propria agonia,e non riesco a fare nente,mi sento impotente.
Grazie mille in anticipo.
Auguri di un buon 2007.


Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del14/01/2007

La sua distorsione cervivale è stata curata correttamente all'inizio con l'immobilizzazione del rachide, ma poi lei ha avuto troppa fretta di tornare alla normalità. Nella distorsione cervicale sono soprattutto le strutture periarticolari (legamenti, dischi intervertebrali, inserizioni muscolari e muscoli stessi) che subiscono il trauma principale: queste strutture hanno bisogno di riposo e di fisioterapia per guarire. La ripresa dell'attività fisica in palestra avviene solo a guarigione completa. Nausea e senso di vertigine fanno parte spesso del quadro clinico di una distorsione cervicale o dei suoi esiti. La abolizione della fisiologica lordosi cervicale è un segno della sofferenza del rachide cervicale.
Forse le conviene ricominciare dall'inizio, con il controllo di un ortopedico o di un fisiatra.
dott. Paolo Tedesco

Dott. Paolo Tedesco
Casa di cura convenzionata
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia plastica ricostruttiva
Specialista in Ortopedia e traumatologia
VENEZIA (VE)


Altre risposte di Scheletro e Articolazioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra