L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

27/01/2006 20:28:51

Cisti coccigea

Salve!Ho una cisti nel coccige da diversi anni e spesso mi si infiamma con perdite di pus e sangue. Il mio medico di famiglia mi ha fatto fare una cura a base di antibiotici, ma non ha funzionato. So che si potrebbe asportare chirurgicamente ma so anche che il post operatorio è doloroso e alquanto fastidioso.Vorrei sapere se non operandomi in futuro la situazione si potrebbe aggravare. Grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del30/01/2006

l'unica terapia risolutiva é l'intervento chirurgico che non é doloroso, si può eseguire in anestesia locale e porta alla guarigione in pochi giorni, l'unica complicanza é che si possa fare una raccolta di sangue sotto la ferita e questa si possa riaprire allungando i tempi di guarigione. Se non si opera é molto probabile che si possa formare un ascesso e questo é sì doloroso e pericoloso, impedisce di eseguire un intervento radicale e viene trattato con incisione, drenaggio e numerose medicazioni sicuramente dolorose, inoltre si possono formare una o più fistole che complicano notevolmente un eventuale intervento chirurgico radicale.

Dott. Sandro Faragona
Medico Ospedaliero
Specialista in Chirurgia generale
Specialista in Odontoiatria


Risposta del30/01/2006

Sono d'accordo con il Collega. L'unico trattamento definitivo e al quale prima o poi sarà "costretta" a sottoporsi è quello chirurgico. Mi permetto solo di aggiungere che l'anestesia locale non è attuabile in tutti i casi.

Dott. Lucio Piscitelli
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia generale
Specialista in Chirurgia vascolare, angiologia
NAPOLI (NA)


Risposta del30/01/2006

Purtroppo una cisti che ha già manifestato segni di tipo infettivo è già in una fase avanzata e deve essere asportata. Ulteriori episodi infettivi, infatti, non fanno altro che distruggere più tessuto sano limitrofo e creare tramiti fistolosi.
Saluti
Dr. Claudio Bernardi
chirurgia plastica



Dott. Claudio Bernardi
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia generale
Specialista in Chirurgia plastica ricostruttiva
ROMA (RM)


Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra