L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

18/09/2008 21:46:25

Cisti della fessura corioidea.

Per il dott.Muciaccia.
Gent.mo dottor Muciaccia, ho 45 anni, da anni sofro di cefalee ed emicranee che ho sempre "curato" con Aulin o Moment. . Da alcuni mesi soffro di vertigini che mi bloccano per diversi giorni a casa. Alcuni mesi orsono le crisi sono state così forti che il piegare la testa mi impediva di dormire. Il mio medico mi ha fatto fare una risonza magnetica il cui risultato è il seguente:

RM ENCEFALO+ORECCHIO
Sistema ventricolare normale per morfologia e dimensione.
Struttura del tronco cerebrale e strutture perinchimali sopra-e sottotentoriali prive di alterazioni patologiche rilevabili tomodensitometricamente.
La somministrazione endovenosa del mezzo di contrasto non modifica il quadro.
Cisti della fessura corioidea di destra.
Indenne il nervo ventricolo cocleare bilateralmente.

RM CERVICLE
Non aree di alterato segnale del midollo.
Bulging discale a C5-C6.

Può spiegarmi cos'ho specie riguardo alla ciste della fessura corioidea?
Un grazie sincero

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del21/09/2008

Cara signora,

Le cisti corioidee sono formazioni benigne dei plessi corioidei dei ventricoli cerebrali.
Generalmente queste cisti sono individuate casualmente nel corso di indagini
neuroradiologiche .
Una piccola cisti non deve destare preoccupazione.
Tuttavia consiglierei, per sicurezza assoluta, una valutazione neurochirurgica ed un esame del fondo oculare e del campo visivo.
Per quanto riguarda la sindrome veriginosa, è necessario escludere la "vertigine parossistica posizionale benigna", causata dal distacco di otoliti all'interno dell'apparato vestibolare.
Tale patologia (abbastanza comune e benigna) si manifesta con sintomatologia vertiginosa improvvisa della durata di alcuni secondi in seguito a movimenti quali: flettere all'indietro la testa, girarsi nel letto, chinarsi per allacciare le scarpe, ecc. Per la diagnosi è sufficiente effettuare il cosiddetto "test di Dix-Hallpike".
Tanti saluti.

massimo.muciaccia@tele2.it

Dott. Massimo Muciaccia
Specialista attività privata
Medicina Territoriale
Specialista in Neurologia
BARI (BA)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra