L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Salute maschile

09/01/2006 14:21:41

Cistite recidiva

Egr. Dottore,
sono paraplegica da una trentina d’anni, ne ho 44, non ho mai avuto problemi di vescica, la svuoto con pressioni manuali mai usato il catetere, mai avuto infezioni o cistiti, fino all’anno scorso. Per sei mesi ho combattuto con una cistite da escherichia coli prima, enterococco dopo, e infine pseudomonas aeruginosa. Somministrati vari antibiotici, finchè ero sotto copertura tutto ok, come cessavo il trattamento, nel giro di 24 ore ricompariva il bacillo di turno, fino a quando mi è stato iniettato per 6 giorni cefotaxima eg. Per un anno non avuto più problemi fino a tre mesi fa.
Ora ho lo streptococco beta, trattato prima con ciproxim per 10 gg, alla nuova urinocultura per altri 17 gg, all’ennesima urinocultura positiva di nuovo cefotaxima eg per 6 giorni. A 4 giorni dalla sospensione sono punto a capo.
Sono demoralizzata, perché a parte i vari fastidi e dolori fisici che provoca, l’urina è spaventosa da vedere e odorare, mi vergogno ad uscire per paura che si senta. Il colore, nel corso della stessa minzione, va dall’arancione, al chiaro, scuro, a veri e propri grumi gelatinosi.
Un anno fa alla visita urologica con ecografia, mi hanno diagnosticato una “vescica da lotta”, dicendo che era questo il problema. Ne verrò fuori? Tornerà tutto come prima?
E per quanto riguarda il sesso? Per ora me ne astengo per il disagio, ma posso essere contagiosa?
La ringrazio sentitamente

Beatrice


Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del15/01/2006

Purtroppo la lesione neurologica è un importante fattore che tende a facilitare le recidive . Comunque lo svuotamento della vescica è buono ? Senza importanti residui? . Attenzione alla dieta e all' assunzione di liquidi che deve essere cospicua. In molti casi ,se si raggiunge un buon equilibrio generale e la sintomatologia si attenua, si tende a non sommistrare antibiotici e a favorire uno svuotamento ottimale della vescica. Cordiali saluti.

Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Salute maschile







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra