L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Salute maschile

02/05/2005 11:12:23

Cistite

Salve, dopo un esame delle urine e la successiva urinocultura, mi è stata diagnosticata una cistite, curata come segnalatomi dal mio medico con terapia antibiotica. passate due settimane dal termine della cura credo che si siano ripresentati i sintomi (stimolo di minzione frequente, leggeri bruciori, gonfiore). mi stavo domandando se è possibile ritrasmettere i batteri con il rapporto sessuale, o meglio se l'uomo può essere una sorta di "portatore sano" e avermi ripassato l'infiammazione o se dipende solo da me, dal fatto che non fosse del tutto guarita e passata con la terapia. cordiali saluti.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del09/05/2005

Il partner maschile può in effetti contrarre una infezione residente in vagina, e successivamente reinfettare la partner, in genere mediante un contatto tra il seme potenzialmente infetto e la mucosa vaginale. Tuttavia i rapporti favoriscono la Cistite anche per fattori meccanici, in quanto favoriscono l'ingresso di germi dall'ambiente esterno in vagina, la risalita dei germi dalla vagina in vescica attraverso il canale uretrale, e l'attecchimento di germi in vagina quando sono causa di microtraumi della mucosa vaginale che denudano l'epitelio.

Dott. Paolo Emiliozzi
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Allergologia e immunologia clinica
Specialista in Urologia
ROMA (RM)


Altre risposte di Salute maschile







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra