L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Stomaco e intestino

05/02/2007 18:53:50

Colecistectomia (asportazione della colecisti)

Sono stato operato di colecisti per via laparascopica nel 1999 a causa di frequenti coliche. Da allora sono sofferente di forti dolori allo stomaco e coliche addominali, in tale situazione le transaminasi (GOT-GPT) salgono fino a 300/400 e ci restano per alcuni giorni. Queste coliche mi vengono almeno due/tre volte l'anno. Ora è da dicembre 2006 che ho delle fastidiose eruttazioni e continui fastidi allo stomaco accompagnati da bruciore. Attualmente mi sto curando con: URSOBIL (SCIROPPO), PANTORC 20, RIOPAN GEL, LEVOPRAID GOCCE. Ho effettuato la gastroscopia il 17/01/2007 dove mi hanno diagnosticato: INCONTINENZA CARDIALE, GASTROPATIA IPOTROFICA, REFLUSSO BILIARE DUODENO-GASTRICO.
Vorrei sapere la cura che sto seguendo è adeguata? E se no come devo curarmi? Devo sottopormi ad un intervento chirurgico?
Confido nella vostra cortese attenzione.
















Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del08/02/2007

Potrebbe trattarsi di coledocolitiasi residua. A volte succede che alcuni piccoli frammenti migrino dalla colecisti in coledoco per poi ingrossarsi a divenire veri e propri calcoli che andando ad ostruire la papilla possono dare queste coliche (importante il dato delle transaminasi) oltre a queste andrebbero eseguiti prelievi per la determinazione di bilirubinemia totale e frazionata, GGT e fosfatasi alcalina.
In questi casi bisogna indagare l'albero biliare, andando per gradi si può eseguire un'ecografia epatobiliare con specifico quesito di coledocolitiasi/dilatazione vie biliari, se non dovessero emergere alterazioni o non si riuscisse ad esplorare correttamente la via biliare è indicato ricorrere all'ecoendoscopia (un'ecografia endoscopica); nel caso si riscontrassero calcoli vanno rimossi e questo può essere fatto endoscopicamente (ERCP). Eseguo questi esami presso il centro dove lavoro (ospedale di San Bonifacio VR). Tuttavia il quadro va analizzato da uno specialista.
Cordiali saluti

Dott. Alberto Fantin
Medico Ospedaliero
Specialista in Gastroenterologia


Altre risposte di Stomaco e intestino







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra