L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Stomaco e intestino

24/02/2016 08:19:27

Colecisti con fango

Salve, da diversi mesi ho cominciato a fare numerosi eruttazioni (partendo dal presupposto che già si erano manifestati in gravidanza ). Il mese di novembre ho cominciato inoltre a vomitare tutto ciò che ingerivo e a seguito di ciò il mio medico di base mi ha suggerito di fare un'ecografia. Dall'ecografia si è evinto che ho la colecisti ritorta e piena di fango per cui mi è stato suggerito di prendere il deursil. Le dosi erano 450mg mattina e 450 mg sera.
A distanza di 2 mesi ho ripetuto l'ecografia e sembrava che il fango si stesse sciogliendo per cui mi hanno fatto abbassare il dosaggio del deursil. Però a distanza di pochi giorni il cibo ha cominciato a risalire e a seguito di ciò è cominciata una colica ancora tuttora in corso (più di 10 giorni ). La colica ha avuto dei giorni di picco e mi sono state fatte 3 toradol 1 spasmex e 1 voltaren. Il dolore si calmava ma non è mai passato del tutto. Mi sono perciò recata da un gastrenterologo che mi ha suggerito di sottopormi ad una colicistectomia. La mia famiglia non è d'accordo in quanto si tratta di fango e dopo possono esserci altri problemi. Io volevo sapere se questo iter è giusto o posso prendere un percorso alternativo. Ormai non mi mantengo più in piedi da giorni, non mangio più e la sera da un paio di giorni mi sale qualche decimo di febbre. Cosa mi suggerite? Grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del25/02/2016

Anche io sono spesso favorevole a una terapia medica, conservativa. Ma quando compaiono delle coliche biliari (bisogna essere certi che si tratti di coliche biliari ), allora non c'è alternativa all'intervento chirurgico, perché eventuali recidive possono essere pericolose. Coliche provocate da piccoli calcoli o da fango biliare possono essere causa di pancreatiti, che vanno evitate. Una colecistectomia eseguita a regola d'arte, per via laparoscopica, di solito non lascia sequele fastidiose.


Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)


Altre risposte di Stomaco e intestino







© RIPRODUZIONE RISERVATA

Clicca qui per iscriverti alla newsletter

Invia una mail alla redazione


Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960