L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Salute femminile

11/10/2004 13:28:49

Condilomatosi

Al mio ragazzo ed a me sono stati diagnosticati condilomi.
Ora lui è stato trattato con eliminazione di parte del prepuzio e bruciatura di altri microscopici condilomi alla base del pene, mentre a me è stata prescritta la pomata Aldane per un mese (principalmente i miei condilomi sono sull'interno delle grandi labbra)

Non ho avuto il coraggio di chiedere alla mia dottoressa se potrebbero essermi venuti condilomi altrove, visto che io e il mio ragazzo abbiamo rapporti anali ed orali.

Quindi vi chiedo, è possibile che il virus si insedi nel retto?

Mi chiedo: sono i condilomi ad essere infettivi o è il papilloma virus?
E una volta trattati i condilomi, come essere certi che non ci riattacchiamo il virus? Dovremo usare il preservativo per qualunque tipo di rapporto avremo (anche orale?)

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del14/10/2004

Gentilissima, in effetti i condilomi possono venire anche sulla mucosa dell'ano, anche senza che abbiate avuto rapporti anali. Se crede può tranquillamente dire che sente qualcosa e chiedere di essere controllata anche sull'ano, senza bisogna di dire che lei ha rapporti anali, se non lo vuol comunicare ala sua dottoressa, la quale, comunque, essendo medico, è preparata a qualunque comunicazione del paziente.
Per il cavo orale in genere esso si difende meglio e quindi non viene investigato, e per quello che riguarda l'infettività virus o condilomi è la stessa cosa, nessuno può dire quando non avrete più il virus, che può rimanere nell'organismo anche al di là della scomparsa dei condilomi e vi sono pareri molto contrastanti sull'uso del preservativo in una coppia stabile e fedele.
La scomparsa del virus dipende dalla nostra risposta immunitaria, e quindi, ripeto, in una coppia stabile e fedele, una volta stabilito che non vi sono più manifestazioni cliniche, nonvi è nessuna prova che l'uso del preservativo modifichi la frequenza delle recidive.Saluti
Elisabetta Canitano ginecologa ambulatoriale ASL RM D

Dott.ssa Elisabetta Canitano
Specialista convenzionato


Altre risposte di Salute femminile







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra