L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Scheletro e Articolazioni

21/10/2005 20:37:49

Condromalacia

Salve. Mi presento, sono Andrea, ho 20anni e sono un atleta. Sto per intraprendere la via della box dopo anni di culturismo

(dove preciso non ho mai sottoposto i quadricipiti a dei workout eccessivamente intensi). Un anno e mezzo fa mi è capitato un

infortunio al ginocchio sx giocando a calcio a scuola e da li è iniziato un pò il calvario. In settimana, dopo 1 anno in cui

tali dolori si sono susseguiti ad intervalli variabili, mi sono ripresi dei dolori eccessivi ad entrambe le ginocchi e così

sono stato sottoposto a RM ad entrambe le ginocchia.Il medico sostiene che il trauma non centra nella mia situazione.
Purtroppo non riesco ad avere il benestare dei medici per la box finchè non mi sistemo questo problema. Ecco la mia

situazione:

ESITO RISONANZA MAGNETICA GINOCCHIO DESTRO E SINISTRO

A DESTRA:Non sono evidenti significative alterazioni a carico di entrambi i menischi. Si sehnala tutt'al più come quello

mediale si presenti in modicamente assottigliato rispetto al collaterale. Integri legamenti crociati e collaterali. Ridotto

lo spessore delle cartilagini femoro tibiali sul versante medialòe e in particolare delle femoro patellari ove vi si associa

una troclea femorale poco profonda. Modesti segni di sclerosi dell'osso subcondrale della faccetta laterale della rotula
A SINISTRA: Nei limiti l'aspetto di entrambi i menischi. Integri i legamenti crociati e i legamneti collaterali. Piuttosto

ridotto lo spessore delle cartilagini articolari femoro tibiali in particolare sul versante mediale e delle femoro patellari

con troclea femorale poco profonda. Non significative falde di versamento intrarticolare. Plica sinoviale patellare

minimamente inspessita.

Mi devo preoccupare? Sono sotto cura di un medico chirurgo specializzato in medicina sportiva e mi ha diagnosticato una

condrite femoro rotulea. Mi vuole far sottoporre a delle sedute (10 per l'esattezza) di ozono-ossigeno terapia da 40€ a

seduta oppure infiltrare un liquido tipo olio lubrificante (tipo condral) se non sbaglio. Può una cura del genere farmi

ritornare "normale"?Posso considerare la diagnosi del medico corretta?

Cordiali saluti
Andrea


Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del24/10/2005

La condrite non è altro che l'infiammazione della cartilagine, determinarne le cause è tutt'altro problema.
Non ho esperienza dell'ozonoterapia in tali patologie, l'infiltrazione di acido ialuronico può alleviare i sintomi per un pò, ma non chiarisce le cause dell'infiammazione.
L'aspetto anomalo delle sue rmn è la profondità ridotta della troclea femorale e della femoro-tibiale mediale.
Ciò è abbastanza normale se in giovane età si è praticata attività sportiva intensa, con una degenerazione preoce di tali strutture rispetto ad un soggetto un pò più "sedentario".
Si faccia visitare da uno specialista ortopedico, per lo meno per avere un secondo parere.
Mi faccia sapere.
Cordiali saluti.

Dott. Matteo Libroia
Casa di cura convenzionata
Medico Ospedaliero
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Ortopedia e traumatologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Scheletro e Articolazioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra