L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

22/09/2006 09:03:00

CONSIGLIO...

Buongiorno ho 32 anni, nel 1998 dopo una visita neurologica e esami di accertamento (esami x spasmofilia,EEG,esami della tiroide, tutto negativo) mi è stato diagnosticato un tremore essenziale; nel 2000 ho fatto altri accertamenti (RM,, RX cervicale, potenziali evocati e altri-tutto negativo) con i quali veniva confermata la prima diagnosi, mi prescrissero Inderal 40 3 volte al dì.Devo dire che mi sentivo bene.
Nel 2003 ho avuto un collasso nervoso e DAP lo psichiatra mi prescrisse depamide, sereupin, rivoltril togliendomi l'inderal, perchè dagli accertamenti il tremore era risultato su base ansiosa.
Dopo 3 anni la cura è sospesa ma il tremore è sempre presente soprattutto in particolari momenti: se devo parlare e scrivere in pubblico, (FOBIA SOCIALE ?!?) e la cosa a volte mi imbarazza e mi fa sentire a disagio per la paura che gli altri notino la cosa.
Posso farmi prescrivere un betabloccante?
Lo psichiatra mi disse di usare il rivotril in caso di necessità, io lo faccio. E' possibile che il fatto neurologico del tremore sia connesso in qualche modo ad uno psicologico cioè ad un mio senso generale di disagio che lo accentua?
Mi dia un consiglio.
grazie



Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del25/09/2006

E' difficile dare consigli su un caso che non si conosce direttamente e sul quale già sono state fatte tante indagini.
La mia sensazione è che mai nessuno abbia preso in considerazione l'ipotesi di una psicoterapia e che tutti si siano invece concentrati sulla ricerca del farmaco che tolga i sintomi.
E' giusto usare i farmaci, ma bisogna anche essere consapevol che i farmaci non risolvono gli aspetti di personalità che, il più delle volte, sono alla base di svariati sintomi fisici.
Perciò le consilgio di sentire anche il parere di uno psicoterapeita, possibilmnete medico, cioè sia in grado di capire perchè le sono stati dati quei farmaci, sia di capire gli aspetti più psicologici del problema.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra