La castità non è tutto

26 ottobre 2007
Focus

La castità non è tutto



La prevenzione è l'arma migliore contro l'HIV, lo si dice da decenni e il tempo l'ha dimostrato, e per questo è fondamentale insegnarla ai giovani. Sì ma insegnare che cosa, soprattutto? La domanda è meno oziosa di quanto sembri, perché sull'alternativa tra puntare nelle strategie educative di più sull'astinenza prematrimoniale o di più sul sesso sicuro a cominciare dall'uso del preservativo c'è un confronto serrato. Che è o dovrebbe svolgersi prima di tutto sul piano scientifico-sanitario, mentre viene spesso surclassato da quello politico e morale prevalente: ed è proprio con un approccio "laico" che la questione viene affrontata da lavori sulla rivista PloS Medicine, nei quali si confrontano e valutano scientificamente gli effetti delle due strategie educative rispetto a quello che è poi il vero obiettivo, la diminuzione del rischio di contagio. Si fa riferimento in particolare a un'analisi di autori britannici di studi relativi a interventi che hanno coinvolto 37.700 giovani in Nord America, e si ragiona sull'obiettivo educativo considerato oggi prioritario dal Governo degli Stati Uniti per la salute sessuale e riproduttiva giovanile, cioè l'astinenza prematrimoniale. Le conclusioni danno ragione alle critiche sollevate in primis dagli esperti da un'iniziativa italiana del 2002 degli allora ministri Sirchia e Moratti, una brochure a diffusione scolastica che indicava la castità come la sola vera protezione dall'AIDS.

Prima volta precoce e nozze tardive
C'è da domandarsi se la promozione dell'astinenza prematrimoniale sia un obiettivo realistico di salute, premette l'editoriale, a parte il rischio contagio nelle coppie sposate specie per le donne convolate a nozze presto e infettate da mariti più maturi e navigati. Infatti da un lato l'età dei primi rapporti è scesa e negli ultimi quarant'anni si è stabilizzata nella maggior parte dei paesi sviluppati intorno a 17 anni, dall'altro quella alla quale ci si sposa è salita. Per esempio negli Stati Uniti il 90% dei 25enni è sessualmente attivo e solo il 3% rimanda al matrimonio: il divario è crescente e l'educazione alla castità avrebbe quindi un impatto modesto. Obiezioni etiche e scientifiche sono giunte da Società pediatriche, mediche e di salute pubblica americane contro la promozione della sola astinenza, attuata con interventi nelle scuole che avrebbero prevalso su un'educazione sessuale più completa, cosicché è diminuita anche quella contraccettiva volta a evitare gravidanze indesiderate. Recenti studi hanno mostrato che rimandare sul breve termine la "prima volta" non impatta sulle infezioni sessualmente trasmesse e che iniziative solo pro-castità anche ben studiate falliscono nel ritardare l'iniziazione sessuale o nel ridurre comportamenti a rischio di contrarre l'HIV. Ora la nuova analisi sistematica mostra la superiorità degli approcci educativi comprensivi, che propongono l'astinenza come strategia prioritaria ma incoraggiano anche l'uso del condom e altre cautele (per esempio evitare la promiscuità).

Programmi educativi combinati pagano
Sul totale dei 39 studi selezionati e analizzati dagli autori britannici, su interventi educazionali così concepiti, 23 hanno dimostrato l'efficacia protettiva almeno riguardo a un aspetto. Su 12 trial che includevano la valutazione della frequenza di rapporti sessuali non protetti l'effetto preventivo si è raggiunto in 6; su 21 che consideravano anche il numero di rapporti protetti e non, lo si è ottenuto in 5; su 13 che riscontravano la frequenza dei partner lo si è avuto in 4; su 26 che valutavano anche l'uso del profilattico lo si è ottenuto in 14 e su 19 comprendenti l'età dell'esordio sessuale lo si è raggiunto in 4 (c'è sovrapposizione negli studi). Complessivamente questi programmi che andavano oltre l'astinenza non hanno aumentato il rischio d'infezione giovanile da HIV in nessuno studio. A fronte dell'inefficacia degli interventi solo pro-castità e di risultati come questi , si spingono a dire gli autori, sarebbe prudente riconsiderare l'esclusione dei finanziamenti federali per interventi educativi misti di questo tipo. E le evidenze hanno implicazioni anche al di fuori degli Stati Uniti, nazione che influenza programmi in molti altri paesi. Chi vuol intendere, intenda.

Elettra Vecchia

Fonti
Shari L. Dworkin e John Santelli. Do Abstinence-Plus Interventions Reduce Sexual Risk Behavio among Youth? PloS Medicine September 2007, Volume4, Issue9, 1437-9.



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Schede patologia


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Corretto uso degli antibiotici, anche uno spot
Malattie infettive
01 febbraio 2018
Notizie
Corretto uso degli antibiotici, anche uno spot
Combattere l’influenza con la dieta
Malattie infettive
24 gennaio 2018
Notizie
Combattere l’influenza con la dieta
L'esperto risponde