Piccoli immunizzati senza ago

05 maggio 2006

Piccoli immunizzati senza ago



Vaccinare i bambini piccoli contro l'influenza utilizzando un preparato che si può somministrare come spray nasale invece di dover essere iniettato. E' una possibilità che hanno voluto esplorare ricercatori statunitensi, pensando a una modalità d'immunoprofilassi che può risultare adatta soprattutto ai bimbi tra i sei mesi e i cinque anni, una fascia d'età che è tra le più vulnerabili al virus dell'influenza, oltre a costituire un serbatoio dell'infezione che si propaga così ai familiari e, attraverso gli altri bambini, ad altre famiglie. Proprio la fascia pediatrica è quella che spesso risulta venir meno protetta con la vaccinazione, a differenza di quanto avviene per gli anziani che, per esempio in Italia, aderiscono sempre più alle campagne antinfluenzali. Uno dei motivi di questo scarso ricorso alla profilassi nei più piccoli può essere legato alla necessità di un'ulteriore iniezione, a fronte del già fitto programma di vaccinazioni obbligatorie e raccomandate.

Tranquilli, niente puntura
Per questo i ricercatori del Center for Vaccine Development della Saint Louis University School of Medicine hanno saggiato uno spray nasale contro l'influenza denominato CAIV-T (Cold adapted Influenza Vaccine Trivalent), con risultati positivi, secondo i dati di un'ampia sperimentazione in fase 3 cioè avanzata che sono stati riferiti al meeting annuale della Pediatric Academic Societies di San Francisco. Si tratta di un preparato intranasale anti-flu vivo e attenuato di ultima generazione, una diversa formulazione di quello disponile negli Usa per bambini e adulti tra i 5 e i 49 anni d'età. "Il nuovo antinfluenzale senz'ago è stato valutato nella stagione influenzale 2004-2005 in più di 8.000 bambini di 249 località appartenenti a 16 nazioni, compresi 6.384 soggetti mai vaccinati di meno di due anni d'età. Metà sono stati trattati con il prodotto iniettabile approvato dalla Fda e l'altra metà con quello allo studio, e in questi ultimi è emersa un'efficacia protettiva significativamente maggiore di quella ottenuta con i preparati iniettivi" ha affermato Robert Belshe, direttore del Centro di Saint Louis.

Una protesione, forse, più ampia
Con il candidato vaccino spray la capacità protettiva dalla malattia simil-influenzale sarebbe stata infatti superiore del 55% rispetto agli anti-flu iniettabili; l'efficacia è apparsa maggiore che con l'altra opzione nei confronti dei ceppi di tipo A dell'influenza, inoltre più elevata negli anni nei quali i sottotipi virali circolanti non erano stati esattamente "centrati" dall'immunoprofilassi stagionale. "Questa spettro di protezione più ampio potrebbe indicare che il vaccino vivo attenuato intranasale possiede caratteristiche che lo rendono più valido di quello tradizionale" ha detto ancora Beishe. Uno scudo protettivo che potrebbe aggiungersi agli altri per la salute della prima e più delicata fase della vita.

Elettra Vecchia

Fonte
Flu news: Study in 8,475 young children points to a more effective influenza vaccineEurekAlert 1 maggio 2006




Cerca nel sito


Cerca in


Ricette  |  Farmaci  |  Esperto risponde  |
Schede patologie


Cerca il farmaco
Dizionario medico


Potrebbe interessarti
Fatica cronica? Confermato legame con l’intestino
Malattie infettive
19 maggio 2017
News
Fatica cronica? Confermato legame con l’intestino
Vaccini: vittime della loro stessa efficacia
Malattie infettive
15 maggio 2017
Focus
Vaccini: vittime della loro stessa efficacia
L'esperto risponde