Un virus con più colpe

08 giugno 2007
Focus

Un virus con più colpe



Il Papillomavirus umano o HPV è coinvolto in tutti i casi di carcinoma della cervice uterina, e questo è il secondo tumore femminile più frequente nel mondo, con una stima che nel 2002 era di 493.000 nuovi casi e 274.000 morti. Basterebbe questo per capire la portata del problema e della sfida che ha davanti a sé il primo vaccino a valenza anticancro finora realizzato, sfida che ci si appresta a lanciare a livello mondiale. In realtà le colpe del virus sono ancora più pesanti, perché è coinvolto, sia pure in misura inferiore, in altre forme tumorali, nella donna e nell'uomo: genitali e anali, ma anche orofaringee; oltre che nello sviluppo di lesioni, soprattutto genitali costituite da condilomi e verruche, e poi in altre sedi. Un virus che colpisce un po' ovunque senza frontiere, nei paesi sviluppati e in via di sviluppo, con rischi legati ai comportamenti sessuali e possibili conseguenze che tra l'altro sono a carico di persone in giovane età e attive.

Tumori di vulva, vagina e pene
Per quanto riguarda il cancro cervicale, o del collo dell'utero, il peso maggiore, circa l'83%, è per le donne delle nazioni meno sviluppate con massimi in Africa sub-sahariana, America Latina-Caraibi, Asia centro-meridionale (e con l'eccezione dell'Europa orientale), costituendo la principale singola causa di anni di vita persi, data l'età giovanile delle vittime, e contribuendo anche di più di malattie quali tubercolosi, patologie legate alla maternità o AIDS. Tassi d'incidenza e mortalità per il tumore sono calati negli ultimi 40 anni nella maggior parte dei paesi occidentali, per via dei programmi di screening (Pap-test), con relativa precocità di diagnosi, e dei progressi terapeutici. I sottotipi virali 16 e 18 causano il 70% circa dei carcinomi cervicali, questi insieme al 6 e all'11 coinvolti soprattutto nei condilomi ano-genitali (tutti tipi rappresentati nella vaccinazione) sono responsabili della maggior parte delle patologie HPV-correlate. I tumori provocati dal virus sono in maggioranza carcinomi squamocellulari; gli adenocarcinomi sono, ma solo in proporzione, di più dove i primi sono di meno, come nei paesi occidentali, probabilmente per la minore capacità d'individuazione del Pap-test. Altre neoplasie in sede genitale nei quali ha un ruolo, comunque molto inferiore, l'HPV sono, nella donna, quelli della vulva e della vagina (soprattutto il primo, in aumento) e, nell'uomo quello del pene (più diffuso nei paesi i via di sviluppo). Il virus si trasmette per via sessuale, anche oro-genitale e ano-genitale (è possibile poi il contagio perinatale), nella grande maggioranza dei casi non porta però allo sviluppo tumorale; esistono fattori predisponenti l'infezione o la trasformazione oncogena, da coinfezioni sessuali a gravidanze numerose, da inizio precoce dell'attività sessuale a numerosità dei partner, da fattori ormonali al fumo.

Neoplasie in sede oro-faringea
Tra le neoplasie HPV-correlate in sede diversa da quella genitale (con l'aggiunta di quelle anali, più frequenti negli omosessuali) ci sono evidenze relative soprattutto ai carcinomi squamocellulari del distretto oro-faringeo, specie per il virus tipo 16. In un recente studio caso-controllo l'infezione appare aumentare il rischio di tumore orofaringeo molto più del fumo e dell'alcol, che sono riconosciuti come i maggiori responsabili: e questo non per un effetto sinergico, ma per un meccanismo oncogeno distinto per il virus rispetto agli altri due fattori. Resta il fatto che i tumori della bocca e del faringe legati all'HPV sono in aumento negli ultimi decenni, circa il 60% sarebbe associato al virus. Strettamente associato con il cancro orofaringeo è il sesso orale, con un rischio aumentato, come confermato dallo studio, con la numerosità dei partner (il virus si può riscontrare nel muco genitale, nello sperma, nella saliva, nell'urina); è sub sudice la possibile protezione del vaccino contro i tumori in questa sede. In un bilancio complessivo e mondiale, riferito al 2002, era attribuibile all'HPV il 100% dei tumori della cervice, il 40% di quelli del pene e altrettanti di vulva e vagina, il 90% di quelli anali, il 15% di quelli orali e faringei. E le proiezioni, secondo le incidenze dello stesso anno e in assenza di cambiamenti di rischio e di interventi, solo per il cancro del collo dell'utero sono di 0,7 milioni di casi entro il 2020, cioè il 40% in più.

Elettra Vecchia

Fonte
Munoz N et al. Chapter 1: HPV in the etiology of human cancer. Vaccine 24S3/1-S3/10.
Parkin DM, Bray F. Chapter 2: The burden of HPV-related cancers. Vaccine 2006 24S3/11-S3/25 Gypsamber D'Souza. Case-control study of Human Papillomavirus and Oropharingeal Cancer. N. Engl J Med 2007;356; 1944-56, 1993-95



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Schede patologia


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Corretto uso degli antibiotici, anche uno spot
Malattie infettive
01 febbraio 2018
Notizie
Corretto uso degli antibiotici, anche uno spot
Combattere l’influenza con la dieta
Malattie infettive
24 gennaio 2018
Notizie
Combattere l’influenza con la dieta
L'esperto risponde