Quanti usano le alternative?

09 febbraio 2005
Focus

Quanti usano le alternative?



Ansia, paura e depressione sono i sentimenti con cui si devono confrontare più comunemente i pazienti diagnosticati con un cancro.
A spaventare oltremodo sono poi i trattamenti cui si deve andare incontro, la chemioterapia su tutti, e i loro possibili effetti collaterali. Ecco perché molti pazienti si rivolgono alle cure alternative, quelle cioè che si pongono al di fuori della medicina scientifica tradizionale e per cui non è stata dimostrata una validità sul piano terapeutico.
Numerosi tipi di vaccini, proteine antigeniche, estratti vegetali, estratti glicoproteici e lipoproteici, diete specifiche o aspecifiche, potenziatori del sistema immunitario, sono solo alcune delle proposte arrivate sul mercato negli ultimi anni. Anni nei quali il ricorso alle terapie alternative è aumentato a dismisura, in particolare proprio nell'area oncologica. Secondo alcune stime, il 15-40% dei pazienti affetti da tumore si rivolge a una terapia alternativa, il 15% in contemporanea alle terapie tradizionali e il 40% richiederebbe che i servizi sanitari dispensassero tali tipi di terapie. A conferma di questi numeri gli Annals of Oncology hanno pubblicato uno studio secondo il quale un terzo dei pazienti affetti da tumore in Europa fa ricorso a terapie alternative. Un numero ragguardevole, ma è veramente così?

Quali alternative
L'entusiasmo per i risultati ottenuti ha portato il team di ricercatori a sostenere che queste terapie dovrebbero essere integrate nel sistema sanitario e regolate dall'Unione Europea. Ma quali sono le terapie? Le più utilizzate in Europa sono le erbe mediche, seguite dall'omeopatia, dagli integratori vitaminici e minerali e dalle terapie spirituali. Secondo l'AIMaC si distinguono tre gruppi di terapie:
  1. Terapie disponibili presso molti centri nel Regno Unito e in molti altri paesi (raramente in Italia) per il trattamento dei tumori, oggi considerate spesso parte del sostegno convenzionale per molti pazienti; psicoterapia, counselling, rilassamento, ipnosi e visualizzazione.

  2. Terapie che sono disponibili presso molti centri per il trattamento dei tumori, anche se non fanno parte del sostegno convenzionale: massoterapia, aromaterapia, riflessologia, agopuntura, guaritori, gruppi di auto-aiuto.

  3. Terapie che in alcuni casi possono risultare nocive: terapia dietetica, terapia megavitaminica, terapia "immunoaccrescitiva"

Lo studio ha preso in esame quasi 1000 pazienti riscontrando che il 35,9% utilizza qualche terapia alternativa, una percentuale che oscilla dal 14,8% della Grecia al 73,1% dell'Italia, leader di questa classifica. L'uso della fitoterapia, per dare un'idea del fenomeno, triplica dopo la diagnosi rispetto a periodo precedente. Il profilo del consumatore tipo è: donna, giovane e di buon livello culturale. La maggior parte crede profondamente nell'efficacia di queste terapie, solo il 3% esprime dubbi riguardo alla loro efficacia. I pazienti con tumori del pancreas, delle ossa, del fegato e del cervello, quelli cioè con una prognosi più breve, sono i maggiori utilizzatori delle alternative. Il tempo medio di ricorso alle pratiche è di 27 mesi, si va da un mese soltanto a 18 anni, nei casi più fortunati. I risultati dimostrano - secondo i ricercatori - come sia essenziale per i medici e i professionisti sanitari in genere conoscere queste terapie ed educare i pazienti alle alternative.
Il direttore scientifico dell'istituto Regina Elena di Roma, Francesco Cognetti, si dimostra scettico. " Non è più il tempo dei maghi e delle fattucchiere: il dato secondo cui una percentuale altissima di italiani ammalati di tumore ricorre più o meno di nascosto alla medicina alternativa - ha detto all'Adnkronos Cognetti - sinceramente mi sembra enfatizzato". Chi avrà ragione?

Marco Malagutti


Fonte
Patiraki E et al. Use of complementary and alternative medicine in cancer patients: a European survey. Ann Oncol.2005; 0: 1102

Approfondimenti

Il sito dell'AIMaC





Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Ultimi articoli
Rondelle di spinaci alla trota affumicata
Alimentazione
18 febbraio 2018
Le ricette della salute
Rondelle di spinaci alla trota affumicata
Alimentarsi correttamente, convegno a Milano
Alimentazione
18 febbraio 2018
Notizie
Alimentarsi correttamente, convegno a Milano
L'esperto risponde