Interazioni poco gradite

17 luglio 2004

Interazioni poco gradite



Il maggior interesse mostrato dalla ricerca "ufficiale" verso le medicine complementari ha, tra le altre cose, il merito di scoprirne i benefici e l'onere di mettere in risalto i rischi e gli svantaggi. Nella maggior parte dei casi, ciò che emerge sono le interazioni con i farmaci tradizionali. Spesso, infatti, i preparati di origine vegetale vengono considerati "innocui" e come tali assunti in concomitanza con altre terapie, senza magari avvisare il medico curante di questa scelta. Da questo tipo di iniziativa possono scatenarsi interazioni o effetti indesiderati che sollevano la necessità di indagare più a fondo per definire indicazioni più precise su quel determinato prodotto.
Qualcosa di simile è accaduto anche con il warfarin, un farmaco anticoagulante usato per prevenire la formazione di coaguli di sangue nei vasi sanguigni o nel cuore o per impedire che coaguli già esistenti diventino più voluminosi.

Interazioni a tavola
Sono note le interazioni tra warfarin e cibo: per esempio, il consumo eccessivo di certi alimenti che contengono la vitamina K, di cui il farmaco è antagonista competitivo, presente nelle verdure a foglia verde, fegato bovino o avocado, abbassa l'efficacia del farmaco. Lo stesso effetto si verifica quando sono in corso altre terapie e anche con l'assunzione di ginseng, come riportato in alcuni casi clinici.
Le radici di questa pianta vengono usate per curare svariate patologie e in generale per mantenere la stato di salute, per stimolare il sistema immunitario e come integratori energetici. Alcune interazioni vengono segnalate dalla Farmacovigilanza; per esempio, nelle persone affette da diabete mellito di tipo 2 il consumo di ginseng causa una riduzione della glicemia e dei livelli plasmatici di emoglobina. Assumere contemporaneamente insulina o ipoglicemizzanti orali e ginseng, senza un monitoraggio del livello ematico di glucosio, è causa di ipoglicemia. Per quanto su uno studio su animali sia stata smentita, l'interazione con il warfarin è stata riscontrata in un paziente con protesi valvolare cardiaca.

Effetti sottotono
Per fare chiarezza e delineare indicazioni più esatte è stato condotto uno studio controllato contro placebo per verificare se l'interazione esiste davvero. Sono stati coinvolti 20 volontari sani, che non avevano nessuna patologia che richiedesse l'assunzione di warfarin. Per quattro settimane è stato loro somministrato il farmaco e alla seconda settimana ad alcuni di loro è stato aggiunto il ginseng in pastiglie, ad altri sono state date pastiglie uguali ma inerti (il placebo). Sono state poi effettuate analisi su campioni di sangue usando un test chiamato Rapporto Internazionale Normalizzato, che esprime la capacità di coagulazione del sangue, e misurando anche il livello di warfarin nel sangue.
Ebbene, nei volontari che avevano assunto anche il ginseng la quantità di farmaco e l'effetto sulla coagulazione sanguigna erano inferiori rispetto a quelli che avevano preso il placebo.
Per quanto lo studio abbia qualche limite (campione piccolo, giovane e sano) e quindi non permetta di generalizzare, i ricercatori concludono suggerendo ai medici che prescrivono il warfarin di accertarsi che il paziente non stia assumendo ginseng. D'altro canto i pazienti che fanno uso di questo farmaco devono essere consapevoli che il ginseng può potenzialmente interferire con l'effetto anticoagulante della terapia prescritta.

Simona Zazzetta


Fonti
Yuan CS et al. Brief communication: American ginseng reduces warfarin's effect in healthy patients: a randomized, controlled Trial. Ann Intern Med. 2004 Jul 6;141(1):23-7




Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Camminare, il segreto per una vita più lunga e in salute
Apparato respiratorio
22 novembre 2017
News
Camminare, il segreto per una vita più lunga e in salute
Il sesso non mette a rischio il cuore
Cuore circolazione e malattie del sangue
20 novembre 2017
News
Il sesso non mette a rischio il cuore
L'esperto risponde