L'alternativo che funziona

14 settembre 2005

L'alternativo che funziona



Nelle gran polemiche sulle medicine alternative c'è una pratica che, invece, continua a trovare conferme anche negli studi condotti in modo tradizionale (cioè scientifico) ed è l'agopuntura. In effetti verrebbe da dire che tanto alternativa non è più, visto che anche in Italia non mancano ospedali dove viene impiegata per l'analgesia (controllo del dolore) per esempio nel corso del parto. L'ultima esperienza in ordine di tempo riguarda la fibromialgia, ed è stata presentata all'11° Congresso mondiale sul dolore svoltosi a Sidney (Australia).

Un dolore centrale
La fibromialgia è una condizione abbastanza misteriosa quanto a origine e cause, che può colpire a tutte le età indipendentemente dal sesso, anche se nelle casistiche l'80% dei pazienti è rappresentato da donne. I sintomi, oltre che il dolore diffuso, comprendono affaticamento, rigidità, cefalea, acufeni, turbe del sonno e altri ancora anche nella sfera cognitiva. Le cure sono più o meno tutte palliative e vanno dagli antidolorifici agli antidepressivi triciclici. A fronte di questa situazione, alcuni ricercatori della statunitense Mayo Clinic hanno testato su 50 pazienti affetti dal disturbo l'agopuntura, con un programma di applicazioni abbastanza intenso: sei sedute nell'arco di 2-3 settimane. Lo studio era controllato rispetto a un altro gruppo di pazienti cui invece veniva praticata una simulazione di agopuntura. Oltre al controllo del dolore, lo scopo era valutare l'eventuale azione sugli altri aspetti della malattia. Effettivamente un risultato si è avuto soprattutto su dolore, spossatezza e sintomi ansiosi, e soprattutto a un mese dal trattamento. Dopo sette mesi, però, i benefici tendevano ad annullarsi. Comunque si voglia considerare la questione non è un risultato da poco, visto che a fronte di nessuna tossicità si ha un miglioramento rilevante della qualità della vita. A questo punto stupisce che in seno al congresso ci sia stato chi argomentava che l'agopuntura sì forse ha qualche effetto però non modifica il corso della malattia: è un rilievo che potrebbe benissimo muoversi anche alle cure farmacologiche finora impiegate. Inoltre è stato detto che quello della fibromialgia è un dolore a origine centrale e non periferica (cioè che coinvolge i meccanismi cerebrali deputati a filtrare e interpretare i segnali dolorosi) e non le innervazioni periferiche. Ma, ancora una volta, se l'agopuntura è efficace, questo non sembra avere un'importanza fondamentale... Dal canto loro, gli autori della ricerca ammettono la necessità di allargare la sperimentazione aumentando i pazienti coinvolti. Una cosa che non dovrebbe risultare difficile anche perché le applicazioni dell'agopuntura impiegate sono pratica corrente un po' dappertutto e non c'è nulla di esoterico.

Giancluca Casponi


Fonti
Acupuncture Effective for Fibromyalgia. Discovery Healt News 25 agosto 2005

11th World Congress on Pain, the meeting of the International Association for the Study of Pain, in Sydney, Australia



Cerca nel sito


Cerca in


Ricette  |  Farmaci  |  Esperto risponde  |
Cerca il farmaco
Potrebbe interessarti
L'esperto risponde