Vivere non sopravvivere

18 marzo 2005
Focus

Vivere non sopravvivere



La dialisi ha circa una quarantina di anni, e ha costituito un progresso eccezionale sul piano della sopravvivenza di pazienti per i quali non vi era altra cura e anche sul piano filosofico, visto che per la prima volta una macchina andava a sostituire completamente le funzioni di un apparato. Dire filosofico non significa dire astratto, come oggi spesso si crede, ma significa entrare entrare nel dettaglio di che cosa cambia in tutti i diversi aspetti della vita un fatto nuovo, e destabilizzante, come il dipendere per la propria sopravvivenza da una macchina. Questo aspetto, che è fondamentale afferrare èper risucire a vivere in modo pieno e soddisfacente malgrado la necessità della dialisi, è l'oggetto di un volume scritto a più mani dagli operatori dell'associazione Solidare, che opera a Milano, in collaborazione con il reparto di nefrologia dell'Ospedale San Paolo, nel delicato campo della sofferenza mentale dovuta alle patiologie croniche, quale è appunto l'insufficienza renale. Il volume si intitola l'ABC della dialisi (Franco Angeli, Milano 2005) e viaggia su due binari paralleli: da una parte lo sforzo di rendere razionale e consapevole il rapporto con la propria malattia e con le cure (anche farmacologiche, anche dietoterapiche) nel presupposto che la conoscenza è la chiave per evitare di cadere preda della paura e della depressione; dall'altra parte una serie di spunti per riuscire a riconsiderare nella nuova situazione concetti come il tempo, gli obiettivi personali il rapporto con gli altri. Entrambi gli aspetti, poi, vengono illustrati attraverso i racconti di pazienti, l'analisi delle loro storie al fine di individuare e presentare dei percorsi funzionali, ma anche di segnalare le possibili trappole.

Limitarsi non è giusto
E così, trattando degli ostacoli che la terapia dialitica pone alle attività che si svolgevano "da sano", Gabriella Panzera scrive che "C'è una notevole diversità fra l'essere a conoscenza dei propri limiti e il limitarsi. Quando vi limitate, in qualche modo vi tirate indietro, o rifiutate la possibilità di nuove esperienze proprio perché vi sentite e vi comportate da malati. Quando invece conoscete i vostri limiti e li rispettate, di fatto state interpretando un ruolo attivo nella gestione della vostra malattia". Ed è un po' questa la chiave di lettura che percorre tutte le storie raccontate nel libro. Conoscere i propri limiti, come si dice nel capitolo conclusivo del libro, curato dallo psicologo Sergio Perri, significa anche riuscire ad ascoltare il proprio corpo, anche quando è sofferente, anche quando non trasmette sui canali della soddisfazione e dell'appagamento. Tuttavia l'interesse del libro non si ferma qui. Una trattazione completa quanto agile è dedicata agli aspetti pratici della vita in dialisi, con particolare attenzione a dotare il paziente degli strumenti anche linguistici necessari a interagire al meglio con i medici e con tutti gli operatori con cui è a contatto. Ma uguale attenzione viene dedicata, per esempio, anche all'aspetto della dieta, che in caso di insufficienza renale è per forza di cose ferrea, proponendo ricette che possano comunque restituire gradevolezza al rapporto con il cibo. Anche questo fa la differenza tra sopravvivere alla malattia e vivere, sia pure con una malattia.

Maurizio Imperiali

Fonte
Sergio Perri (a cura di). L'ABC della dialisi. Franco angeli Self Help Milano 2005



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Schede patologia


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Potrebbe interessarti
Cistite: meglio evitare il trattamento fai da te
Rene e vie urinarie
11 dicembre 2017
Notizie
Cistite: meglio evitare il trattamento fai da te
Le 7 regole per la salute del cuore aiutano anche i reni
Rene e vie urinarie
20 aprile 2016
Notizie
Le 7 regole per la salute del cuore aiutano anche i reni
L'esperto risponde